Modello UNICO: i quadri da compilare nel Regime Forfettario

Modello UNICO: i quadri da compilare nel Regime Forfettario. Ogni anno i titolari di Partita IVA nel Regime Forfettario hanno l’ obbligo di inviare la propria Dichiarazione dei Redditi tramite il Modello UNICO. Analizziamo in questo articolo quali sono i quadri da compilare per dichiarare i propri redditi e per calcolare i propri Contributi Previdenziali.

Decidere di compilare ed inviare autonomamente la propria Dichiarazione dei Redditi Modello Unico non è mai una scelta saggia. Sono davvero tanti i quadri da compilare ed ancora di più i casi in cui sarà possibile commettere un errore.

Per questo motivo consiglio di affidare la compilazione e l’ invio del Modello Unico ad un Commercialista o Consulente abilitato. In molti casi anche i CAF hanno la possibilità di inviare telematicamente il Modello Unico ma anche in questo caso mi sento di sconsigliarti questa soluzione soprattutto se possiedi una Partita IVA.

Dopo questa premessa ti mostrerò ugualmente quali campi sarai tenuto a compilare nel caso in cui decidessi di compilare ed inviare autonomamente la tua Dichiarazione dei Redditi. Per semplicità di esposizione ti mostrerò tutti i campi da compilare per poter dichiarare i redditi nei casi in cui si possegga una Partita IVA nel Regime dei Minimi o nel Regime Forfettario.

Modello UNICO: i quadri da compilare nel Regime Forfettario

Per i titolari di Partita IVA i quadri da compilare varieranno in base al Regime Fiscale scelto
Iniziamo dunque dalla Dichiarazione dei Redditi Modello Unico per i titolari di Partita IVA in uno dei Regimi di Vantaggio: Regime dei Minimi o Regime Forfettario

Il quadro significativo dei titolari di Partita IVA nel Regime dei Minimi o Forfettario è il quadro LM e nello specifico andrà compilata la Sezione I nel caso di Regime dei Minimi e la Sezione II nel caso di Regime Forfettario

Modello UNICO: i quadri da compilare nel Regime Forfettario

Modello Unico: il Regime dei Minimi

Ecco quali sono i quadri da compilare nel Modello UNICO se si è in possesso del Regime dei Minimi

LM1 – Nel quadro LM1 andrà inserito il Codice Attività (Codice ATECO)
LM2 – Nel quadro LM2 andrà inserito il totale dei ricavi da non confondere con il fatturato lordo. Andrà indicato infatti tutto ciò che è stato realmente incassato nell’ anno a prescindere dalla data della fattura.
LM3 – Nel quadro LM3 andranno riportate le rimanenze finali, cioè eventuali perdite d’ esercizio derivanti dalla precedente Dichiarazione dei Redditi
LM4 – Nel quadro LM4 andrà inserita la differenza tra il totale dei ricavi annuali ridotte delle eventuali rimanenze finali dell’ anno precedente
LM5 – Nel quadro LM5 dovranno essere inseriti tutti i Costi Aziendali sostenuti ed effettivamente pagati nell’ anno secondo le percentuali di detrazione (100% o 50% nel caso di uso promiscuo)
LM6 – Il quadro LM6 rappresenterà il quadro del Reddito Lordo dato dalla differenza tra il quadro LM4 ed il quadro LM5 (ricavi meno costi sostenuti nell’ anno). Questo quadro potrà dunque risultare anche negativo qualora i Costi Aziendali risultassero più elevati dei ricavi totali. Questo potrà accadere sono nel Regime dei Minimi e non nel Regime Forfettario in quanto, in questo secondo caso, i Costi Aziendali saranno determinati in modo forfettario applicando una percentuale sul totale dei ricavi (e quindi obbligatoriamente inferiori ai ricavi totali)
LM7 – Nel quadro LM7 andranno inseriti eventuali Contributi Previdenziali pagati nell’ anno (Contributi INPS in Gestione Separata, Contributi INPS Gestione Commercianti o Artigiani, Contributi INPS versati al proprio Albo di appartenenza)
LM8 – Nel quadro LM8 andrà inserito il Reddito Lordo che rappresenterà la base imponibile sulla quale calcolare l’ Imposta Sostitutiva ed eventuali Contributi Previdenziali
LM9 – Nel quadro LM9 andranno riportate eventuali perdite pregresse degli anni precedenti
LM10 – Nel quadro LM10 andrà riportata la differenza tra il Reddito Netto (quadro LM8) ed eventuali perdite pregresse (quadro LM9)
LM11 – Il quadro LM11 riporterà il calcolo dell’ Imposta Sostitutiva del 5% utilizzando come base di calcolo il quadro LM10

Modello UNICO: il Regime Forfettario

Per tutti coloro che hanno aderito al Regime Forfettario i quadri da compilare nel Modello UNICO saranno tutti quelli compresi tra il quadro LM21 ed il quadro LM39. Analizziamoli:

LM21 – Bisognerà barrare le tre caselle nel caso in cui si possederanno i requisiti per il Regime Forfettario (casella 1), sono assenti tutte le cause ostative (casella 2), si possederanno i requisiti di start-up riducendo quindi l’ Imposta Sostitutiva al 5% (casella 3)
LM22 – Nel quadro LM22 dovrà essere riportato il Codice ATECO dell’ Attività Economica svolta ed il suo relativo Coefficiente di Redditività (nell’ esempio il Codice ATECO appartiene ad una Categoria Professionale ed il relativo Coefficiente di Redditività è pari al 78%). Dovranno essere poi inserito il totale dei ricavi annuali incassati nell’ anno (casella 4) ed il Reddito per attività risultane dall’ applicazione del Coefficiente di Redditività sui ricavi (casella 5)
LM23-30 – Dal quadro LM 23 al quadro LM30 potranno essere inseriti eventuali Codici ATECO aggiuntivi all’ Attività Economia scelta. Dato che sarà possibile inserire più Codici ATECO attribuiti alla propria Partita IVA secondo Attività svolte differenti, sarà necessario per ognuno di essi dichiarare il relativo incasso, il relativo Coefficiente di Redditività attribuito, i Componenti positivi e il Reddito per Attività (caselle 4 e 5)
LM34 – Nel quadro LM34 dovrà essere riportato il Reddito Lordo determinato dalla somma di tutti i Redditi per attività
LM35 – Nel quadro LM35 dovranno essere inseriti eventuali Contributi Previdenziali pagati nell’ anno (Contributi INPS in Gestione Separata, Contributi INPS Gestione Commercianti o Artigiani, Contributi INPS versati al proprio Albo di appartenenza)
LM35 – Il quadro LM35 rappresenterà il Reddito Netto dato dalla differenza tra il Reddito Lordo (quadro LM34) meno eventuali Contributi pagati nell’ anno (quadro LM36)
LM37 – Nel quadro LM37 andranno riportate eventuali perdite pregresse derivanti dagli esercizi precedenti
LM38 – Il quadro LM38 rappresenterà il Reddito al netto di eventuali perdite pregresse e sarà la base imponibile per il calcolo dell’ Imposta Sostitutiva del 5% in fase di start-up o del 15%
LM39 – Il quadro LM39 rappresenterà il valore dell’ Imposta Sostitutiva da versare sui Redditi appena calcolati

Piccola parentesi: da pochissimi giorni ho pubblicato il mio primo libro.

Si chiama Regime Forfettario 2019 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti spiegherò anche come risparmiare migliaia di Euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (14,90 Euro) sia in versione Ebook (9,90 Euro)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Modello UNICO: i quadri da compilare per i Contributi Previdenziali

In altri quadri appositi sarà necessario calcolare e dichiarare nel Modello UNICO anche i propri Contributi Previdenziali. Nello specifico il quadro in questione è rappresentato dal quadro RR, sezione I nel caso di Contributi Previdenziali dovuti da Artigiani e Commercianti o Sezione II nel caso di Contributi Previdenziali dovuti da Liberi Professionisti iscritti alle Gestione Separata INPS

Modello UNICO: i quadri da compilare per i Contributi Previdenziali

Nell’ esempio riportato in questo articolo, il Professionista in questione è iscritto alla Gestione Separata INPS ed ha quindi l’ obbligo di compilare la Sezione II dal rigo RR5 al rigo RR8.

RR5 – Nel quadro RR5 dovrà essere indicato il Reddito Netto che rappresenterà la base imponibile per il calcolo dell’ Imposta Sostitutiva (casella 2), i mesi di attività lavorativa (caselle 12 e 13), l’ aliquota da prendere in considerazione (casella 14, varia in base all’ anno ed in base alla presenza o meno di redditi da lavoro dipendente), i Contributi Previdenziali dovuti (casella 15) e gli eventuali acconti versati l’ anno precedente (casella 16)
RR6 – Nel quadro RR6 dovranno essere indicati i Contributi dovuti (casella 1) e gli acconti precedentemente versati (casella 3)
RR7 – Nel quadro RR7 dovrà essere riportata la differenza tra i Contributi dovuti e quelli già versati in acconto nell’ anno precedente
RR8 – Nel quadro RR8 andranno riportati eventuali crediti di Contributi generati nella dichiarazione precedente

Inviare la propria Dichiarazione dei Redditi varia totalmente nei casi in cui il Contribuente abbia la possibilità di utilizzare il Modello Dichiarativo 730 o nel caso in cui sia obbligato ad inviare il Modello Dichiarativo Unico. Se nel primo caso sarà possibile provvedere all’ invio della propria Dichiarazione semplicemente rivolgendosi ad un CAF o addirittura inviarla personalmente (nel caso di 730 pre-compilato), nei casi in cui bisognerà predisporre ed inviare il Modello Unico sconsiglio vivamente il metodo “fai da te”.

Rivolgiti ad un Commercialista o Consulente preparato per l’ invio del tuo Modello Unico sia nel caso in cui tu sia titolare di partita IVA sia nel caso in cui tu sia titolare di altri redditi (anche redditi da prestazione Occasionale). Un errore nella compilazione del Modello potrà costarti caro, molto di più di quello che spenderai per un’ assistenza completa sulla tua Contabilità.

Se dovessi avere bisogno di qualche consiglio per l’ invio della tua Dichiarazione dei Redditi o se dovessi avere dei dubbi sul Regime Forfettario posso offrirti una Consulenza Gratuita. Ti basterà richiederla sul mio sito www.regime-forfettario.it compilando l’ apposito form con tutti i tuoi dati. Ti richiamerò entro qualche ora e cercherà di risolvere tutti i tuoi dubbi

Regime Forfettario Consulenza Gratuita

Ps. Ho creato un Gruppo di discussione su Facebook sul Regime Forfettario. Se vorrai iscriverti ti basterà cliccare qui

Spero che questo articolo ti sia stato utile e non esitare a commentarlo in caso di dubbi

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario 

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.