Regime forfettario 2021, ecco le modalità per una corretta fattura

Fare una fattura nel Regime Forfettario 2021 non è difficile ma richiede l’indicazione di dati anagrafici e di riferimenti di legge ben precisi per dare la possibilità a coloro che la ricevono, di possedere tutte le informazioni del caso. Allo stesso tempo, permette al titolare della Partita Iva forfettaria, di rispettare tutti  gli adempimenti di legge come l’esonero della ritenuta d’acconto e dell’Iva.

Ritenuta d’acconto, esonero per il regime forfettario 2021

Chi aderisce al regime forfettario 2021, ha davanti a sé una serie di benefici dall’applicazione di questo sistema fiscale, primi fra tutti: l’esonero della ritenuta d’acconto. Quest’ultima, infatti, è una trattenuta che viene eseguita in anticipo da un datore di lavoro come acconto delle sue imposte Irpef ed è pagato direttamente allo Stato.

La ritenuta d’acconto, è molto utilizzata anche nelle prestazioni occasionali nel rilascio della ricevuta, per formalizzare a tutti gli effetti un pagamento di una prestazione con carattere della non continuità e prevedere l’equo pagamento anche delle Imposte Irpef mediante il sistema della ritenuta al 20% sul totale della suddetta ricevuta.

Ebbene, questo particolare adempimento non deve essere invece applicato nel caso di chi emette una fattura in regime forfettario in quanto rientra tra i benefici presenti in questo ambito.

Tuttavia, restano validi due importanti adempimenti:

  • Inserire i dati del codice fiscale verso cui sono eseguite le fatture nella propria dichiarazione dei redditi in modo da avere un riferimento unico e chiaro dei suddetti importi.
  • Apposita dicitura in fattura. Chi opera con un soggetto operante nel regime forfettario deve esserne consapevole e ad oggi uno dei mezzi consentiti per informarlo, è di inserirlo in fattura.

Al riguardo, ti segnalo una dicitura tipo che fa riferimento alla dichiarazione di esonero della ritenuta d’acconto e che dovrai anche tu inserire nella fattura in regime forfettario: “Operazione non soggetta a ritenuta a fonte a titolo di acconto a seguito dell’articolo 1, comma 67, legge n.190 del 2014 e successive modificazioni”.

Piccola parentesi: da pochissimi giorni ho pubblicato il mio terzo libro.

Si chiama Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti spiegherò anche come risparmiare migliaia di Euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (14,90 Euro) sia in versione Ebook (9,90 Euro)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Esenzione Iva, come nel Regime Forfettario

Nel Regime Forfettario, una altra importante esenzione riguarda l’Iva. Un regime ordinario, infatti, è tenuto all’obbligo dei registri iva in cui devono essere annottate tutte le fatture con l’importo emesso e l’Iva per le fatture emesse e per i corrispettivi. Inoltre, deve inserire in fattura una apposita dicitura da cui si evince che è applicato sull’importo totale, l’imposta sul valore aggiunto al 22%.

Per il regime agevolato, questi adempimenti non sono richiesti, ne per quanto riguarda la tenuta dei registri Iva e delle dichiarazioni Iva e ne l’applicazione in fattura. Tuttavia, è obbligatorio come quanto visto per la ritenuta d’acconto, di informare chi riceve la fattura che si è in questa casistica mediante una apposita indicazione in fattura del tipo “Operazione senza applicazione dell’IVA, a seguito dell’articolo 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190 del 2014 così come modificato dalla Legge 208 del 2015 e dalla Legge n.145 del 2018”.

Resta come ulteriore adempimento per chi emette una fattura in un qualsiasi regime, anche quello forfettario, di applicare una marca da bollo da 2 euro per importi superiori a 77,47. La dicitura tipo da inserire nel documento fiscale può essere invece indicata così: “L’imposta di bollo da 2 euro è assolta sull’originale per importi maggiori di 77,47 euro”. In alternativa si può procedere con l’invio della fattura con la marca originale applicata al suo interno e conservare una copia della suddetta fattura.

Come compilare una fattura nel Regime Forfettario

Altri elementi importanti da riportare in fattura riguardano quelli che permettono di identificare non solo il professionista che la rilascia ma anche chi riceve questo importante documento fiscale. E’ infatti, importante riportare i dati del destinatario con riferimento a:

  • Nome.
  • Cognome.
  • Indirizzo, comprensivo anche di Città e Cap.
  • Codice fiscale.
  • Partita Iva.

Per quanto riguarda il professionista, oltre ai dati sul Codice Fiscale, Partita Iva, indirizzo, nome e cognome, è utile da indicare:

  • Il numero progressivo della fattura e la data. Chi aderisce al regime forfettario è infatti tenuto all’obbligo di numerare progressivamente per ogni anno fiscale le fatture emesse. E’ possibile la versione cartacea e non è obbligatoria l’emissione in forma elettronica a meno che il documento fiscale non sia rivolto ad una Pubblica Amministrazione.
  • La descrizione del servizio. E’ sempre importante giustificare il motivo per il quale si emette la fattura e il tipo di servizio offerto con il totale del prezzo.
  • Corpo della fattura. In questa parte dovranno essere inserite le dicitura obbligatorie che ti ho esposto in precedenza sull’esonero della ritenuta d’acconto e dell’Iva (con gli opportuni riferimenti di legge) e della marca da bollo, se la fattura è di importo superiore a 77,47.

Inoltre, si consiglia di completare la fattura con l’indicazione della città e della data in cui è emessa e firma del professionista.

Ti sembra tutto molto complicato? Se dovessi avere bisogno di aiuto posso offrirti una Consulenza Gratuita. Ti basterà richiederla sul mio sito Regime Forfettario compilando il form di contatti con tutti i tuoi dati. Sarò io stesso a richiamarti telefonicamente entro qualche ora e cercherò di chiarire tutti i tuoi dubbi.

Quando si può applicare il Regime Forfettario?

Tra le procedure più importanti sulle fatture nel regime forfettario, è poi da menzionare il cosiddetto principio di cassa ovvero per definire il totale degli incassi bisognerà sommare solo le fatture per le quali si è ottenuto il pagamento nell’anno fiscale in corso.

Questo parametro, è da considerare anche per quanto riguarda il corretto calcolo delle tasse da pagare, con l’applicazione di una aliquota sostitutiva al 5%, se si tratta di una prima attività e per un tempo massimo di 5 anni oppure una aliquota sostitutiva al 15% sul fatturato totale, nei casi residui. Inoltre, con il totale delle fatture realizzate per anno fiscale, è anche da definire che non si verifichi il superamento della soglia limite di 65.000 euro.

Ti ricordo, infatti, che per aderire al Regime Forfettario 2021, è necessario non superare il totale dei compensi oltre i 65.000 euro. In caso contrario, si dovrà passare dal successivo anno fiscale al regime ordinario.

Attenzione anche ad altre cause uscita regime forfettario come il non superamento sulle spese per personale dipendente o collaboratori oltre i 20.000 euro e compensi per lavoro dipendente entro i 30.000 euro.

Ti sembra tutto complicato e non sai come procedere all’emissione della fattura o se hai i requisiti per emetterla con il regime forfettario? Ti consiglio una apposita consulenza online per risolvere ogni tuo dubbio e iniziare la tua attività professionale con questo interessante e importante regime fiscale.

Commercialista per Regime Forfettario 2021

È arrivato il momento di presentarmi con Te, io sono Giampiero Teresi e per primo in Italia nel 2015 ho sviluppato un Servizio di Contabilità completamente Online incentrato sul Regime Forfettario.

Mi occupo di tutto ciò di cui si occupa un “Commercialista” classico, con la differenza che il mio Servizio avviene completamente Online senza mai la necessità della tua presenza fisica in Studio. Nello specifico mi occupo di:

  • Aprire la tua Partita IVA
  • Gestire la tua Contabilità e le tue fatture
  • Compilare ed inviare la tua Dichiarazione dei Redditi
  • Offrirti tutta la mia Assistenza 365 giorni l’ anno tramite il mio numero di telefono personale 

Di solito la maggior parte dei Commercialisti si occupa contemporaneamente di svariate materie molto differenti tra di loro, come ad esempio:

  • Contabilità di Ditte Individuali e di Società
  • Regime Forfettario, Ordinario e Semplificato
  • Diritto Tributario
  • Diritto del lavoro, Fallimenti, ecc.

Il problema però è che in Italia le leggi cambiano troppo spesso, ed a mio avviso è impossibile rimanere perfettamente aggiornato su tutte queste materie molto differenti tra di loro.

Ecco perché ho deciso di specializzarmi ESCLUSIVAMENTE sul Regime Forfettario. Ogni giorno studio, approfondisco, e mi aggiorno solo sul Regime Forfettario, ne conosco tutte le casistiche e riesco a risolvere tutte le problematiche.

Il mo Servizio di Contabilità inizia sempre con una Consulenza Gratuita che offro a tuti coloro che hanno dei dubbi sul Regime Forfettario o su qualsiasi tematica fiscale. Se dovessi averne bisogno anche tu ti basterà richiederla direttamente sul mio sito compilando l’ apposto Form di contatto.

Sarò io stesso a richiamarti telefonicamente entro qualche ora e cercherò di chiarire tutti i tuoi dubbi.

l costo del mio Servizio di Contabilità sarà di soli 39 Euro al mese, già comprensivi di IVA, che potrai pagare scegliendo tra 3 tipi di Abbonamento di Consulenza: trimestrale, semestrale o annuale.

Le mie interessanti tariffe prevedono la scelta di un piano di abbonamento:

  • trimestrale 117 euro (39 euro al mese),
  • semestrale 217 euro (36 euro al mese),
  • annuale 397 euro (33 euro al mese).

P.S. Esiste un gruppo Facebook creato da me, totalmente dedicato al Regime Forfettario. Se vorrai prendervi parte potrai iscriverti in qualsiasi momento, ti basterà cliccare qui 

A presto

Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.