Contribuenti minimi: come aprire P.IVA Forfettaria e risparmiare!

Sei titolare di Partita Iva nel regime dei minimi? Fino all’anno 2016 il regime dei minimi era il regime agevolato a disposizione dei contribuenti. Da allora lo Stato ha deciso di sostituirlo definitivamente con il Regime Forfettario.

Questa è stata una sostituzione richiesta dai contribuenti minimi che desideravano un regime fiscale ancora più conveniente e più vantaggioso, che avesse una maggiore durata e che avesse requisiti “meno stringenti”.

Regime dei minimi ex ante 2016: come funzionava?

Il “vecchio” regime dei minimi era stato più volte ampiamente criticato in quanto la sua agevolazione aveva una precisa scadenza.

5 anni o il raggiungimento dei 35 anni di età era il termine fissato, superato il quale era obbligatorio passare al regime semplificato con il conseguente aggravio dei costi e l’aumento degli adempimenti fiscali scanditi dalla normativa.

Pertanto, tutte le Partite IVA che, fino al 2016, hanno scelto di lavorare con il regime dei minimi hanno dovuto rispettare un limite di fatturato fisso di 30.000€, superato il quale era necessaria l’iscrizione al regime ordinario o semplificato.

L’imposta sostitutiva, nel regime dei minimi era pari al 5% per tutta la durata del regime ed applicata al reddito netto.

l contribuenti minimi non avevano la possibilità di assumere lavoratori dipendenti e l’acquisto dei beni strumentali non doveva eccedere i 15.000€ negli ultimi tre anni di attività.

I contribuenti minimi erano esenti dall’IVA, dalla dichiarazione IVA trimestrale e dalla dichiarazione IVA annuale.

Il regime dei minimi prevedeva l’adozione di grandi semplificazioni contabili come l’esenzione dagli studi di settore, la contabilità semplificata e l’esenzione dalla registrazione delle fatture.

Le Partite IVA che aderivano al regime dei minimi erano esenti dall’applicazione della ritenuta d’acconto nelle proprie fatture.

I contribuenti nel regime semplificato pagavano diverse tipologie di tasse, l’IRPEF ad esempio, la cui aliquota più bassa era del 23%, assai più elevata rispetto al 5% (imposta per i contribuenti minimi).

Oggi non è più possibile aderire al regime dei minimi, pertanto, c’è da domandarsi che cosa sia successo ai vecchi contribuenti minimi?

Oggi le Partite IVA aderenti regime dei minimi che hanno concluso il numero di annualità nei “vecchi” Minimi, fanno parte di un nuovo regime fiscale agevolato: il regime Forfettario.

La migrazione dal regime dei minimi al Forfettario ha comportato una serie di interessanti vantaggi ed agevolazioni senza restrizioni e vincoli temporali.

Contribuenti minimi e Regime Forfettario: requisiti necessari

Quali sono i requisiti necessari per accedere al regime forfettario? Devi sapere che a partire dal primo gennaio 2019 la Legge di Bilancio ha sancito che l’unico requisito necessario per aderire al Forfettario è non eccedere i 65.000 euro annui di fatturato.

Fino al 31 dicembre 2018 l’accesso al Regime Forfettario e il mantenimento dello stesso, negli anni successivi, era possibile per i soggetti che erano in possesso dei seguenti requisiti:

  • limite dei ricavi e compensi variabili da € 25.000 ad € 50.000 a seconda dell’attività esercitata;
  • costo complessivo per l’acquisto di beni ammortizzabili non superiore ad € 20.000;
  • spese per lavoro dipendente non superiori ad € 5.000 lordi.
  • reddito da lavoro dipendente non superiore a 30.000 Euro lordi.

Sono stati abrogati i due requisiti relativi alle spese per lavoro dipendente e per i beni strumentali e quello relativo al reddito percepito da dipendete, mentre il limite dei ricavi è stato innalzato.

Il superamento dei 65.000 euro determina la fuoriuscita dal Forfettario a decorrere dall’anno successivo.

Ti sembra tutto molto complicato? Se dovessi avere bisogno di aiuto posso offrirti una Consulenza Gratuita. Ti basterà richiederla sul mio sito www.regime-forfettario.it compilando il form di contatti con tutti i tuoi dati. Sarò io stesso a richiamarti telefonicamente entro qualche ora e cercherò di chiarire tutti i tuoi dubbi.

Regime Forfettario 2019: cause di esclusione

La legge di Bilancio 2019 ha modificato alcune delle cause di esclusione dal regime forfettario. A decorrere dal primo gennaio 2019 sono esclusi:

  • i soggetti non residenti, ad eccezione di quelli residenti all’interno della Comunità europea;
  • i soggetti che in via esclusiva o prevalente effettuano cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili;
  • i soggetti che si avvalgono di regimi speciali ai fini dell’imposta sul valore aggiunto;
  • gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che, contemporaneamente all’esercizio dell’attività controllano, direttamente o indirettamente, società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione; partecipano a società di persone, ad associazioni professionali o ad imprese familiari (art. 5 del Tuir);
  • persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro nei due anni precedenti.

Regime Forfettario 2019: imposta al 5% o al 15%

Uno dei vantaggi del regime forfettario 2019 è la possibilità di beneficiare della flat tax al 5% o al 15%. L’aliquota al 5% si applica nei primi 5 anni di attività mentre dal sesto anno in poi si applica il 15%.

Inoltre si beneficia dell’esenzione dalla ritenuta d’acconto: le Partite IVA aderenti all’ex regime dei minimi possono beneficiare dell’esenzione dalla ritenuta d’acconto.

I contribuenti minimi nel regime forfettario sono esenti anche dall’IVA, che non deve essere indicata in fattura.

Inoltre, non devono presentare la dichiarazione IVA trimestrale e non devono effettuare il conseguente versamento.

Regime Forfettario: semplificazioni fiscali

I contribuenti minimi aderenti al Forfettario possono beneficiare dell’esonero dalla compilazione dell’invio degli Studi di Settore, non devono registrare le fatture e non devono inviare lo spesometro.

Hanno solo l’obbligo di numerare e conservare le stesse fatture.

Piccola parentesi: da pochissimi giorni ho pubblicato il mio secondo libro.

Si chiama Regime Forfettario 2019 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti spiegherò anche come risparmiare migliaia di Euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (14,90 Euro) sia in versione Ebook (9,90 Euro)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2019

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

+100 recensioni di lettori entusiasti.
Il libro che ti insegna tutto quello che devi sapere sul Regime Forfettario.

Costi Commercialista Contribuenti minimi regime forfettario

Quanto costa il Commercialista per i contribuenti minimi che aderiscono al Regime Forfettario 2019? Forse ancora non mi conosci, mi chiamo Giampiero Teresi e nel 2014, per primo in Italia, ho sviluppato un Servizio di Contabilità completamente Online per tutti i titolari di Partita IVA nel Regime Forfettario.

Mi occupo di tutto ciò di cui si occupa un Commercialista “classico” con il vantaggio di lavorare copertamente da remoto. Non sarà mai necessaria la presenza fisica!

Nello specifico mi occuperò di:

  • Aprire la tua Partita IVA
  • Gestire la tua Contabilità
  • Compilare ed inviare la tua Dichiarazione dei Redditi
  • Offrirti tutta la mia Assistenza 365 giorni l’ anno.

Il costo di tutto ciò sarà di soli 39 Euro al mese, già comprensivi di IVA, che potrai pagare scegliendo tra 3 tipi di Abbonamento: trimestrale, semestrale o annuale.

Se dovessi avere qualsiasi altro dubbio sui Minimali INPS nel Regime Fofettario o se volessi ricevere maggiori informazioni sul mio Servizio di Contabilità Online, richiedimi una Consulenza Gratuita! Ti basterà richiederla sul mio sito www.regime-forfettario.it compilando il form di contatto con tutti i tuoi dati, sarà io stesso a richiamarti entro qualche ora!

P.S. Esiste un gruppo Facebook creato da me, totalmente dedicato al Regime Forfettario. Se vorrai prendervi parte potrai iscriverti in qualsiasi momento, ti basterà cliccare qui 

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.