Documenti per aprire Partita IVA

Vuoi aprire la Partita IVA, ma non sai quali sono i documenti necessari da allegare al Modello da presentare all’Agenzia delle Entrate? Continua a leggere questa guida e scoprirai tutti consigli e i segreti per lavorare con la Partita IVA. Quale regime fiscale è più conveniente per l’anno 2019? Quali sono i documenti per aprire la Partita IVA? Scopriamolo!

Aprire la Partita IVA: quando è obbligatorio?

Vuoi diventare Freelancer? Hai un sogno nel cassetto da realizzare e non sai da dove partire per iniziare a lavorare in proprio e per aprire la Partita IVA? Niente paura!

Devi sapere che anche a 40 anni è possibile mettersi in proprio e intraprendere una Libera Professione o un Lavoro autonomo o lanciare una Start Up.

Insomma, le idee imprenditoriali sono davvero infinite e le opportunità di fare business online sono tantissime.

L’importante è trovare l’idea imprenditoriale giusta e quella che sappia davvero soddisfare i propri bisogni e passioni.

Ma, quando è davvero obbligatorio aprire la Partita IVA? Già ci eravamo occupati di questo aspetto, ma torniamo a fare chiarezza! Non sempre si hanno le idee chiare sulle modalità e su quali sono i documenti necessari per aprire la Partita IVA,

Deve essere chiaro a tutti che è cogente aprire la Partita IVA quando si inizia ad esercitare una professione con continuità ed abitualità.

Anche le Start Up che avviano un’attività di impresa, a prescindere dal settore in cui operano, devono aprire la Partita IVA e adempiere a tutti gli oneri fiscali, amministrativi e previdenziali richiesti dalla normativa vigente.

In sintesi: è obbligatorio presentare il modello AA9/12 o AA7/10 ed allegare i documenti per aprire la Partita IVA quando si svolge un’attività professionale con regolarità, stabilità e sistematicità.

Se si lavora come dipendenti è possibile aprire la Partita IVA? E, se si lavora il week end tutto l’anno è obbligatorio aprire la Partita IVA? La risposta è affermativa dato che l’attività NON è occasionale.

Una volta chiaro il fatto che si deve aprire la Partita IVA quando si inizia a svolgere con continuità e sistematicità un’attività di business, è necessario valutare i costi di mantenimento e la necessità di pagare i contributi previdenziali all’INPS.

Dunque, aprire la Partita IVA non conviene a chi svolge un’attività occasionale e, comunque, con guadagni non sostanziosi.

Aprire una Partita IVA significa regolarizzare la propria posizione fiscale: in ogni caso, il numero deve comparire sul sito web istituzionale, sulle fatture e su tutti i documenti fiscali su cui è necessario riportare la Partita IVA.

Documenti apertura Partita IVA: come procedere?

Per essere certi di inviare tutti i documenti necessari all’apertura della Partita IVA, si consiglia di rivolgersi ad un Commercialista di fiducia.

Costituita da undici cifre, la P.IVA può essere richiesta dal contribuente anche in altre modalità:

  • a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno con le due copie dei modelli succitati a cui allegare il documento d’identità del richiedente,
  • attraverso l’Agenzia delle Entrate,
  • all’ufficio del Registro imprese della Camera di Commercio
  • telematicamente grazie al modello della Comunicazione Unica.

I due moduli sono scaricabili dal sito dell’Agenzia delle Entrate per procedere con la richiesta di inizio attività. I dati contenuti sui documenti necessari per aprire la Partita IVA saranno oggetto di controllo e di elaborazione da parte degli enti competenti (Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL, Camera di Commercio, etc.).

Documenti per aprire Partita IVA Forfettaria 2019: i Modelli necessari

Prima di analizzare i documenti necessari per aprire la Partita IVA Forfettaria, devi sapere che la nuova Legge di Bilancio 2019 ha introdotto la Flat Tax al 15% o al 5% (per i primi 5 anni di attività) che ha revisionato la normativa previgente relativa al Regime Forfettario.

Ma, per scegliere il Regime Forfettario 2019, è necessario rispettare l’unico requisito richiesto: non eccedere il limite di fatturato esteso a 65.000 Euro per tutti i Codici ATECO e per tutte le attività di business.

Chi può presentare i documenti per aprire la Partita IVA Forfettaria? Tutte le Persone Fisiche che rispettivo il limite sopra citato possono affidarsi ad un Commercialista.  

Anche chi è già in possesso di una Partita IVA nel “vecchio” Regime Forfettario o Regime dei Minimi, può valutare la possibilità di scegliere Il Forfettario, purchè abbia maturato ricavi inferiori a 65.000 Euro durante l’anno 2018.

Piccola parentesi: da pochissimi giorni ho pubblicato il mio secondo libro.

Si chiama Regime Forfettario 2019 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti spiegherò anche come risparmiare migliaia di Euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (14,90 Euro) sia in versione Ebook (9,90 Euro)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Per quanto concerne i documenti necessari per aprire la Partita VA Forfettaria, le imprese individuali e lavoratori autonomi devono presentare il Modello AA9/10, mentre tutti gli altri soggetti devono compilare un altro modello, chiamato AA7/12.

Per richiedere l’inizio di un’attività di business, nel caso in cui non si sia residenti, si deve presentare il Modello ANR/3.

Ovviamente, se non si vuole cadere in errore, si può contattare il proprio Commercialista di fiducia al quale affidare la pratica di apertura della Partita IVA.

Oltre a presentare i documenti, si è tenuti a comunicare il Codice ATECO corretto per inquadrare l’attività di business svolta, e iniziare a versare i contributi previdenziali.

Aprire Partita IVA Forfettaria 2019: quanto costa il Commercialista?

Ma, allora quanto costa il Commercialista che rappresenta uno dei costi fissi da valutare per coloro che presentano i documenti per iniziare a lavorare in proprio? Forse, non conosci ancora il mio Servizio di contabilità online che differisce dal “classico” ed oneroso Studio di Commercialisti.

Sono specializzato nella Consulenza per i Forfettari e il mio Servizio di Contabilità On line dedicato ai Liberi Professionisti e Freelancer non prevede costi occulti, ma solo tariffe trasparenti!

Le mie interessanti tariffe prevedono la scelta di un piano di abbonamento:

  • trimestrale 117 euro (39 euro al mese),
  • semestrale 217 euro (36 euro al mese),
  • annuale 397 euro (33 euro al mese).

Se ancora non ti fidi, ti consiglio di leggere le Recensioni dei miei clienti.

Ogni piano di abbonamento comprende:

  • La mia Assistenza Personale 365 giorni l’anno
  • Apertura della tua Partita IVA
  • Gestione della tua Contabilità
  • Invio della tua Dichiarazione dei Redditi.

Se dovessi avere qualsiasi altro dubbio sui documenti necessari per aprire una Partita IVA o se volessi ricevere maggiori informazioni sul mio Servizio di Contabilità Online, richiedimi una Consulenza Gratuita! Ti basterà richiederla sul mio sito www.regime-forfettario.it compilando il form di contatto con tutti i tuoi dati, sarà io stesso a richiamarti entro qualche ora!

P.S. Esiste un gruppo Facebook creato da me, totalmente dedicato al Regime Forfettario. Se vorrai prendervi parte potrai iscriverti in qualsiasi momento, ti basterà cliccare qui 

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.