Ceramista con Partita IVA: il regime forfettario è la scelta migliore

Ecco perché questo regime fiscale è l’ideale se vuoi aprire un laboratorio artigianale di creazioni artistiche in ceramica

Hai una buona manualità e spiccate doti creative? Nulla di strano che tu abbia deciso di apprendere un mestiere antico come quello del ceramista: questo lavoro, oltre a dare sfogo alla tua fantasia, offre anche considerevoli opportunità di guadagno ma, per poterlo svolgere con le carte in regola, è obbligatorio aprire la Partita IVA.

In questo articolo ti spiegherò come agire per compiere questo passo importante e ti esporrò i vantaggi del regime fiscale più conveniente d’Italia.

Come si apre la Partita IVA da ceramista: i passaggi e i costi

Prima di metterti in proprio e di iniziare a fantasticare su come allestirai il tuo laboratorio, però, ti consiglio di rivolgerti a un commercialista, in modo da avere ben chiaro a cosa andrai incontro. Non fraintendermi: è bello che tu voglia intraprendere questa strada. Tuttavia, dal momento che l’apertura della Partita IVA implica diverse responsabilità, è meglio confrontarsi con un professionista in materia fiscale piuttosto che agire frettolosamente e commettere errori.

Sì, perché è possibile pregiudicare il successo di un’attività fin dal primo step: la compilazione del modulo di richiesta di numero di Partita IVA all’agenzia delle Entrate. Per avviare un’attività, infatti, è necessario richiedere l’assegnazione di un numero di Partita IVA a questo ente.

L’operazione in sé è gratuita e, una volta inoltrata la richiesta, le tempistiche di espletamento sono abbastanza immediate: nel giro di uno o due giorni, riceverai il tuo numero di Partita IVA e potrai iniziare a emettere e ricevere fatture.

Attenzione, però: compilare il modulo (denominato ‘modello AA9/12’) non è così semplice. Al suo interno ti verranno richiesti:

  • i tuoi dati fiscali e anagrafici;
  • la sede della tua attività (che può essere anche presso il tuo indirizzo di residenza);
  • il nome della tua attività;
  • il codice ATECO;
  • il regime fiscale.

Leggi anche: Il regime forfettario per affittacamere: la soluzione su misura per te

Potresti avere qualche dubbio soprattutto sulle ultime due voci. Per quanto riguarda il codice ATECO, posso darti una mano dicendoti che quello giusto per svolgere la tua attività di ceramista è: 23.41.00 (Fabbricazione di prodotti in ceramica per uso domestico o ornamentale).

In merito al regime fiscale, invece, è bene approfondire dato che si tratta della scelta più importante che dovrai prendere nella fase iniziale. Nelle prossime righe ti spiegherò per quale motivo dovresti prendere in considerazione di aprire la tua Partita IVA nel regime forfettario.

Le principali agevolazioni fiscali e gestionali per un ceramista forfettario

Aprire una Partita IVA forfettaria ti permetterà di svolgere la tua professione a condizioni molto vantaggiose, a patto che tu sia in possesso dei requisiti richiesti per poterla adottare. Il più importante è sicuramente il limite di fatturato: per adoperare questo regime fiscale, infatti, non potrai fatturare più di 65.000 € all’anno, pena l’esclusione a partire dall’anno successivo.

Piccola parentesi: potrebbe interessarti il mio nuovo libro.

Si intitola Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti svelerò anche in che modo potresti risparmiare migliaia di euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (15,50 €) sia in versione e-book (9,90 €)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

I vantaggi che acquisirai con il regime forfettario sono tanti; di seguito, voglio elencarti le agevolazioni fiscali e le semplificazioni gestionali più significative:

  • l’esenzione dall’IVA, che implica vari benefici come:
    • non applicare tale imposta alle fatture emesse, con un notevole vantaggio concorrenziale;
    • non presentare la dichiarazione annuale;
    • non versare le liquidazioni periodiche;
    • non registrare le fatture e i corrispettivi;
  • l’esenzione dalla ritenuta d’acconto;
  • l’esonero dall’obbligo di fatturazione elettronica;
  • l’esenzione dal versamento delle addizionali comunali e regionali;
  • l’esonero dalla fatturazione elettronica;
  • l’esenzione dal pagamento dell’IRAP;
  • l’esonero dallo spesometro e dagli studi di settore.

Hai idea di quanti soldi risparmierai ogni anno adottando questo regime fiscale? E non solo grazie a questi vantaggi gestionali, ma anche perché il regime forfettario prevede la tassazione più bassa d’Italia.

Ceramista nel regime forfettario: tasse e contributi INPS

A differenza del regime ordinario e semplificato, dove le imposte si versano in base agli scaglioni reddituali con aliquote che vanno dal 23% al 43%, nel regime forfettario esiste un’unica aliquota del 15%, riducibile al 5% per i primi cinque anni in caso di nuova attività.

Una bella differenza, non credi?

Inoltre, anche il calcolo dell’imponibile è semplice e diretto, senza alcun bisogno deduzione dei costi: lo Stato ha stabilito che le attività che operano nel regime forfettario calcolino il fatturato lordo mediante il coefficiente di redditività, ovvero un valore percentuale.

Ogni attività ha un coefficiente di redditività calcolato su base forfettaria; nel tuo caso, ad esempio, questo valore è fissato al 67%. Ciò significa che se fatturerai 20.000 €, a fine anno verrà tassato solo il 67% dei tuoi ricavi totali perché il restante 33% verrà considerato come ‘costi forfettari’.

Leggi anche: Regime forfettario 2022: cosa può cambiare?

Per quanto riguarda i contributi previdenziali, invece, sarai obbligato a iscriverti alla gestione artigiani dell’INPS, che include il versamento di una quota fissa di 3.836,16 € e di una quota del 24% sul fatturato eccedente ai minimali di 15.953 €.

Sì, sono cifre importanti; considera, però, che chi adotta il regime forfettario, a differenza degli altri regimi fiscali, ha la possibilità di richiedere una riduzione del 35% su entrambe le quote. Starà a te, dunque, scegliere se versare i tuoi contributi pensionistici per intero o in forma ridotta.

In conclusione

Insomma, avrai certamente capito che il regime forfettario riserva diversi benefici a chi lo adopera. In questo articolo ho cercato di riassumere i più importanti, ma è possibile che tu voglia conoscere i dettagli o fugare qualche dubbio.

Bene. Io sono qui. Il mio servizio di consulenza fiscale online è a tua disposizione.

Compila il Form di Contatto sul mio sito internet www.regime-forfettario.it. Sarò io stesso a richiamarti nel giro di qualche ora per chiarire qualsiasi dubbio (tariffe comprese).

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ti ricordo che, per qualsiasi tipo di considerazione, hai la possibilità di commentare questo articolo.

P.S. Ho anche creato un Gruppo di discussione Facebook riguardante il Regime Forfettario; se vuoi iscriverti, non devi fare altro che cliccare qui.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.