Il regime forfettario per affittacamere: la soluzione su misura per te

Come svolgere l’attività di b & b o di affitto di case vacanza a condizioni vantaggiose

Avviare un’attività di affittacamere senza avere alcuna conoscenza del sistema fiscale italiano è alquanto rischioso.

Prima di iniziare a operare in questo ambito faresti bene a informarti sugli oneri, sulle leggi e sulle eventuali agevolazioni di cui potresti godere. Se agirai con superficialità, infatti, andrai quasi certamente incontro a noie burocratiche, multe e debiti.

In questo articolo ti spiegherò come dovresti muoverti per condurre un’attività simile in regola con il fisco e ti esporrò i vantaggi del regime forfettario.

Come aprire la Partita IVA per affittacamere con codice ATECO e regime fiscale giusti

Hai ereditato una vecchia casa da un parente o hai intenzione di acquistare un immobile vecchio, ristrutturarlo e avviare un’attività di bed & breakfast o affittacamere? Per farlo, dovrai necessariamente aprire Partita IVA, in modo da operare in regola con il fisco.

L’apertura della Partita IVA è un aspetto che merita le dovute riflessioni, ed è probabile che, se hai questa idea imprenditoriale, tu stia cercando l’opzione più profittevole. Il primo consiglio che mi sento di darti è di affrontare l’argomento con un buon commercialista: questa figura professionale ti darà una mano a fare una valutazione oggettiva dell’investimento e ad adottare la soluzione più conveniente.

La richiesta di un numero di Partita IVA è un procedimento abbastanza rapido: ti sarà sufficiente scaricare un modulo da Internet – il modello AA9/12 –, compilarlo in ogni sua parte e inoltrarlo all’Agenzia delle Entrate. Tuttavia, potresti incontrare difficoltà nella sua compilazione, dovute principalmente al fatto che ti verrà richiesto di indicare il codice ATECO inerente alla tua attività e il regime fiscale che intendi adottare.

Per quanto riguarda il codice ATECO devi sapere che, per operare serenamente e non rischiare di incorrere in sanzioni, è fondamentale essere precisi e inserire quello assegnato alla tua specifica attività; per affittare camere, il codice ATECO corretto è: 55.20.51.

Leggi anche: Regime forfettario 2022: cosa può cambiare?

In merito al regime fiscale, la sua scelta è ancora più importante perché determina l’insieme delle regole e degli adempimenti fiscali a cui dovrai far riferimento. In Italia ne esistono tre tipi:

  • il regime ordinario;
  • il regime semplificato;
  • il regime forfettario.

La scelta più conveniente per chi avvia una nuova attività è aprire una Partita IVA a regime forfettario, e ora ti spiegherò perché.

I vantaggi di aprire una Partita IVA a regime forfettario

La Partita IVA forfettaria consente di usufruire di notevoli vantaggi gestionali, fiscali e contabili. Voglio anticiparti, però, che per adottare questo tipo di inquadramento fiscale è necessario essere in possesso di alcuni requisiti, i più importanti dei quali sono:

  • il rispetto del limite di fatturato annuo di 65.000 €;
  • il rispetto del limite di spese per collaboratori o dipendenti di 20.000 € all’anno;
  • non avere un reddito proveniente da lavoro subordinato superiore a 30.000 €.

Se vuoi conoscere tutti i requisiti e le cause di esclusione, contattami in qualsiasi momento: una consulenza gratuita ti sarà utile per capire se il tuo profilo è idoneo all’adozione del regime forfettario.

Ora, però, vediamo quali sono le agevolazioni fiscali e le semplificazioni gestionali di cui gioverai.

Piccola parentesi: potrebbe interessarti il mio nuovo libro.

Si intitola Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti svelerò anche in che modo potresti risparmiare migliaia di euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (15,50 €) sia in versione e-book (9,90 €)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Una delle più importanti è senza dubbio l’esenzione dall’IVA; oltre a non dover applicare l’imposta sul valore aggiunto nelle tue fatture (con un notevole vantaggio concorrenziale sui tuoi competitor), non avrai l’obbligo di registrare le fatture e i corrispettivi, non dovrai presentare la dichiarazione annuale e, soprattutto, non dovrai versare le liquidazioni periodiche.

Sarai esonerata/o anche dalla ritenuta d’acconto; il che ti permetterà di incassare sempre il 100% dei tuoi compensi, anche qualora il tuo cliente sia un sostituto d’imposta.

Altri vantaggi significativi sono:

  • l’esonero dall’obbligo di fatturazione elettronica;
  • l’esenzione dal pagamento dell’IRAP;
  • l’esonero dallo spesometro e dagli studi di settore;
  • l’esenzione dal versamento delle addizionali comunali e regionali;
  • l’esonero dalla presentazione del modello ISEE.

Regime forfettario affittacamere: il calcolo delle tasse e dei contributi

Tutti i punti che ti ho elencato garantiscono un notevole risparmio economico; tuttavia, sono sicuro che gli aspetti che più ti interessano sono la tassazione e i contributi pensionistici.

Beh, per quanto riguarda le imposte, devi sapere che in Italia non esiste regime fiscale più vantaggioso di quello forfettario: anziché attenerti agli scaglioni IRPEF, infatti, godrai di un’aliquota sostitutiva fissa del 15% su qualsiasi reddito prodotto da 0 a 65.000 €. Non solo: le nuove Partite IVA aperte nel regime forfettario hanno la possibilità di versare un’aliquota del 5% per i primi cinque anni.

Leggi anche: Partita IVA istruttore cinofilo: come aprirla alle migliori condizioni

E i vantaggi non finiscono qui…

Per calcolare l’imponibile non avrai bisogno di dedurre i costi aziendali perché questi vengono ipotizzati dallo Stato su base forfettaria. Come? Mediante il coefficiente di redditività, un valore assegnato a ogni codice ATECO per determinare il reddito lordo su base percentuale rispetto al fatturato totale.

Nel tuo caso, il coefficiente di redditività è del 40%; il che vuol dire che verserai le imposte solo sul 40% dei tuoi ricavi totali, mentre il restante 60% verrà escluso automaticamente poiché considerato come un importo coincidente con le spese sostenute durante l’anno (luce, gas, pulizie e altri servizi).

Oltre alle tasse sul reddito, dovrai versare anche i tuoi contributi previdenziali. Svolgendo questo tipo di attività, sarai obbligata/o a iscriverti alla gestione commercianti dell’INPS. Di norma, questa cassa previdenziale prevede il versamento di una quota fissa annuale di circa 3.850 € dalla quale, però, l’attività di affittacamere è esentata.

Al netto di ciò, dovrai versare esclusivamente una quota contributiva del 24,09% sul reddito lordo, con la possibilità di richiedere all’INPS una riduzione del 35%.

In conclusione

In questo articolo ho cercato di esporti gli aspetti più importanti del regime forfettario e di farti capire quali benefici comporterebbe la sua adozione.

Nel caso in cui tu volessi avere maggiori informazioni, sappi che io sono a tua disposizione. Da qualche anno ho deciso di svolgere la mia professione di consulente fiscale dedicandomi esclusivamente al regime agevolato, e ho avviato un’attività di consulenza fiscale online ad abbonamento.

Compila il Form di Contatto sul mio sito internet www.regime-forfettario.it. Sarò io stesso a richiamarti nel giro di qualche ora per chiarire qualsiasi dubbio (tariffe comprese).

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ti ricordo che, per qualsiasi tipo di considerazione, hai la possibilità di commentare questo articolo.

P.S. Ho anche creato un Gruppo di discussione Facebook riguardante il Regime Forfettario; se vuoi iscriverti, non devi fare altro che cliccare qui.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.