Come si calcola il reddito imponibile nel Regime Forfettario?

Il Regime Forfettario è un regime fiscale pensato per offrire tutta una serie di vantaggi a coloro che possiedono una Partita Iva.

Tra tutti spiccano le basse aliquote relative alle tasse da versare (15% o 5%) e il nuovo metodo, introdotto dalla Legge di Stabilità del 2016, usato per il calcolo del reddito imponibile.

Se hai intenzione di avviare un’attività in proprio e quindi di diventare un imprenditore o Libero Professionista, sappi che hai bisogno di una Partita Iva, un codice ATECO e di scegliere (in anticipo) il regime fiscale che verrà adottato per il calcolo delle tasse e delle imposte da versare.

Un buon metodo per non farsi trovare impreparati, e sfruttare tutti gli aiuti che lo Stato mette a disposizione dei lavoratori autonomi, è quello di affidarsi ad un professionista del settore, che saprà consigliare le mosse giuste per risparmiare qualche soldino. 

A questo proposito, occorre dire che il Regime Forfettario rappresenta, ad oggi, il più semplice e conveniente.

Una delle ragioni che rendono questo regime fiscale adatto a coloro che avviano un’attività in proprio, prevedendo un volume d’affari medio-bassi, riguarda il reddito imponibile.

Ma qual è la definizione di reddito imponibile? A cosa serve e come si calcola?

Reddito imponibile: cos’è e a cosa serve?

Quando si parla di reddito imponibile, definito anche base imponibile, si fa riferimento alla parte di reddito che sarà assoggettato alle aliquote delle tasse.

Il reddito imponibile non va confuso con il reddito lordo annuale realmente percepito dal lavoratore, infatti, a questo vanno sottratte le deduzioni previste dallo Stato, ed i Contributi INPS pagati nello stesso anno.

Nel caso dei lavoratori autonomi, in possesso di una Partita IVA in Regime Forfettario, con la definizione di reddito imponibile s’intende la parte di reddito che verrà realmente tassata.

La base imponibile può essere calcolata in due modi diversi, in base al regime fiscale adottato, esso può essere:

  • Analitico, sommando voce per voce i diversi redditi (nel regime ordinario e semplificato);
  • Forfettario, ovvero su base fissa (nel regime forfettario).

A questo proposito occorre specificare quando si parla di regime forfettario e tasse la base imponibile è data applicando un Coefficiente di redditività al totale degli incassi effettuati nell’ anno.

Analizziamo nello specifico il calcolo

Ti sembra tutto molto complicato? Se dovessi avere bisogno di aiuto posso offrirti una Consulenza Gratuita. Ti basterà richiederla sul mio sito www.regime-forfettario.it compilando il form di contatti con tutti i tuoi dati. Sarò io stesso a richiamarti telefonicamente entro qualche ora e cercherò di chiarire tutti i tuoi dubbi.

Reddito imponibile e Regime Forfettario

Per calcolare le spese da dedurre e il reddito lordo è opportuno specificare che nell’ambito del regime forfettario viene utilizzato un calcolo automatico.

In sostanza, questo regime fiscale non prevede il calcolo delle singole spese da dedurre ma si limita a sottrarre al reddito lordo una quota forfettaria, la cui aliquota dipende dal tipo di attività svolta e quindi dal codice ATECO abbinato alla partita IVA.

Questa è una delle ragioni che rendono necessario l’aiuto da parte di un commercialista esperto che sappia consigliare l’imprenditore circa il codice ATECO da scegliere in fase di avvio dell’attività.

Di fatto, a questo codice, sono strettamente collegati i coefficienti di redditività dai quali dipendono le percentuali di spese da dedurre.

Come si calcola il reddito imponibile?

Per il calcolo del reddito imponibile nel regime forfettario occorre avere a disposizione tre informazioni: il codice ATECO, il relativo coefficiente di redditività e l’importo dei contributi versati ogni anno.

Per conoscere il reddito imponibile occorre partire dal reddito lordo, che si ottiene applicando il coefficiente di redditività agli incassi annui. A questo occorre sottrarre i contributi versati in quell’anno per ottenere il reddito imponibile.

Prima di proseguire con la definizione di calcolo del reddito imponibile nel regime forfettario, occorre fare un’ulteriore chiarimento che riguarda il coefficiente di redditività.

Questo, infatti, varia in base al codice ATECO e al tipo di lavoro svolto, tuttavia possiamo semplificare affermando che il coefficiente di redditività è pari: al 78% del reddito lordo per i liberi professionisti; al 67% del reddito lordo per gli artigiani; al 40% del reddito lordo per i commercianti.

Troverai tutti i Coefficienti di Redditività per i vari Codici ATECO in questo articolo

Piccola parentesi: da pochissimi giorni ho pubblicato il mio terzo libro.

Si chiama Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti spiegherò anche come risparmiare migliaia di Euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (14,90 Euro) sia in versione Ebook (9,90 Euro)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Un’ulteriore deduzione necessaria, quando si calcola il reddito imponibile nel regime forfettario, è quella relativa ai versamenti contributivi.

I liberi professionisti o i titolari di una ditta individuale che aderiscono al regime forfettario possono conoscere il reddito imponibile della loro attività, utile al calcolo dell’imposta sostitutiva, facendola dichiarazione del reddito mediante Modello Unico.

In sintesi, per calcolare il reddito imponibile nel regime forfettario devi:

  1. Sommare le fatture registrate durante l’anno per conoscere il reddito lordo;
  2. Usare il coefficiente di redditività associato al codice ATECO dell’attività svolta;
  3. Sottrarre i Contributi versati
  4. Procedere al calcolo dell’imposta sostitutiva del 15% o del 5% (nel caso delle start up).

Facciamo un esempio pratico, immaginando di dover calcolare l’imposta sostitutiva di una “Ditta X” che volge un’attività artigianale e che, nel corso dell’anno, ha emesso 3 fatture da 500 euro l’una:

  1. Somma le fatture e ottieni il reddito lordo: 1.500 euro.
  2. Applica il coefficiente di redditività che, per la “Ditta X” è del 78 % ottenendo così il reddito imponibile pari a 1.170 euro.
  3. Sottrai i Contributi versai, ad esempio pari a 300 Euro. Il risultato sarà quindi pari a 870 Euro
  4. Applica l’aliquota del 15% (130,50 Euro) e avrai calcolato le tasse da versare all’erario.

Nel caso di tassazione al 5% invece l’ ammontare delle tasse da pagare sarà pari a “soli” 43,50 Euro (il 5% di 870 Euro)

Reddito imponibile nel regime forfettario: cosa devi sapere

La peculiarità del regime forfettario è quello di essere un regime fiscale semplice ed agevolato che permette di pagare poche tasse e di riuscire a prevedere l’importo dovuto all’erario.

Sebbene operare nell’ambito del regime forfettario possa sembrare una passeggiata, è possibile incorrere in errori che potrebbero creare problemi con l’Agenzia delle Entrate.

Per questo motivo ti consigliamo di rivolgerti ad un esperto che si occupi di conteggi e calcoli al posto tuo, evitando incidenti fiscali.

Uno degli errori più frequenti, infatti, riguarda proprio il calcolo del reddito imponibile nel regime forfettario, che porta a sbagliare il calcolo dell’imposta sostitutiva da versare.

Costo Commercialista Regime Forfettario

Un Commercialista “classico” per la gestione della Contabilità di un Contribuente titolare di una Partita IVA in Regime Forfettario ha una tariffa media impresa tra 1.000 e 1.200 Euro.

Adesso però voglio parlarti del mio Servizio di Contabilità Online specializzato nel Regime Forfettario che sono sicuro troverai molto conveniente.

Non sarà mai necessaria quindi la presenza fisica, lavoreremo completamente Online! Nello specifico mi occuperò di:

  • Aprire la tua Partita IVA
  • Gestire la tua Contabilità
  • Inviare la tua Dichiarazione dei Redditi
  • Offrire tutta la mia Assistenza 365 giorni l’anno

Il costo del mio Servizio di Contabilità sarà di soli 39 Euro al mese, già comprensivi di IVA, che potrai pagare scegliendo tra 3 tipi di Abbonamento di Consulenza: trimestrale, semestrale o annuale.

Le mie interessanti tariffe prevedono la scelta di un piano di abbonamento:

  • trimestrale 117 euro (39 euro al mese),
  • semestrale 217 euro (36 euro al mese),
  • annuale 397 euro (33 euro al mese).

Se dovessi avere qualsiasi altro dubbio sulla Partita IVA in Regime Forfettario o se volessi ricevere maggiori informazioni sul mio Servizio di Contabilità Online, richiedimi una Consulenza Gratuita! Ti basterà richiederla sul mio sito www.regime-forfettario.it compilando il form di contatto con tutti i tuoi dati, sarà io stesso a richiamarti entro qualche ora!

P.S. Esiste un gruppo Facebook creato da me, totalmente dedicato al Regime Forfettario. Se vorrai prendervi parte potrai iscriverti in qualsiasi momento, ti basterà cliccare qui 

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.