Fatturazione elettronica nel regime forfettario nel 2022: come funziona?

Ecco cosa devi sapere riguardo a questo argomento

Negli ultimi mesi si è parlato molto di fatture elettroniche per i forfettari e molte persone sono convinte che dal 1° gennaio 2022, anche per questa categoria di lavoratori in proprio, sia diventato obbligatorio trasmettere questi documenti in formato digitale.

Ma è davvero così?

In questo articolo chiarirò l’argomento esponendoti come stanno veramente le cose e spiegandoti in quali circostanze, pur avendo la Partita IVA forfettaria, sei tenuta/o a inviare una fattura elettronica.

Fattura elettronica nel regime forfettario: da esonero a obbligo nel 2022?

Non fa alcuna differenza che tu sia un professionista già in possesso di una Partita IVA forfettaria o che stia prendendo in considerazione l’idea di metterti in proprio adottando questo regime fiscale; in entrambi i casi, oltre a tutte le altre questioni inerenti al regime forfettario, ti interesserà sapere anche se chi opera con questo inquadramento fiscale potrà continuare a godere dell’esonero dall’obbligo di fatturazione elettronica.

Questo “privilegio” è sempre stato uno dei piatti forti del regime forfettario ma, alla luce delle ultime novità, è destinato ad avere vita breve.

Dopo anni di richieste da parte del governo italiano di estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica per i forfettari (sempre respinte dal Consiglio dell’Unione europea), quest’anno – per la prima volta – Bruxelles ha dato l’ok per procedere in questo senso. Inoltre, l’UE ha accolto anche la richiesta di estendere a un altro triennio tale obbligo per le altre Partite IVA.

Questo significa che a partire da gennaio 2022 chi adotta il regime forfettario sarà obbligato a emettere le fatture elettroniche come tutti gli altri?

No, non preoccuparti. Per il momento i forfettari restano esclusi da qualsiasi modifica in tale ambito. Il governo Draghi, infatti, non ha inserito alcuna novità a riguardo all’interno della legge di stabilità approvata il 30 dicembre 2021.

Leggi anche: Partita IVA da tecnico ortopedico: come aprirla a condizioni vantaggiose

Tuttavia, alla luce dell’approvazione da parte dell’Unione europea, c’è da aspettarsi che presto le cose cambino. Al momento non ci sono date certe, ma è ipotizzabile che tale obbligo venga reso effettivo a partire da luglio (qualora il governo provvedesse a inserire le novità nel testo del Decreto Milleproroghe), se non addirittura dal 2023.

In attesa di ulteriori sviluppi potresti iniziare a mettere a confronto i vari software gestionali disponibili – incluso quello gratuito dell’Agenzia delle Entrate – per capire quale potrebbe essere il più adatto a te, sia a livello economico sia di funzionalità.

Attenzione, però. Per quanto tutt’ora viga questo esonero, c’è una eccezione di cui dovresti essere a conoscenza. Te ne parlo nel paragrafo successivo.

Piccola parentesi: potrebbe interessarti il mio nuovo libro.

Si intitola Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti svelerò anche in che modo potresti risparmiare migliaia di euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (15,50 €) sia in versione e-book (9,90 €)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Fatturazione elettronica per i forfettari: per adesso, l’obbligo è limitato a chi opera con la pubblica amministrazione

Abbiamo detto che, allo stato attuale delle cose, l’introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria per le Partite IVA a regime forfettario non è ancora stata resa effettiva. Devi sapere, però, che l’esonero da tale procedura non è mai stato valido per chi esegue lavori per la pubblica amministrazione.

Se hai già un’attività, presumo che tu sia già a conoscenza di questa eccezione; tuttavia, se stai pensando di aprire una Partita IVA per svolgere una professione che ti porterà a interfacciarti con il settore pubblico, è giusto che tu sappia che, per le prestazioni B2B (Business to Business) e B2C (Business to Consumer), potrai usufruire dell’esonero, mentre per quelle a favore della pubblica amministrazione dovrai obbligatoriamente emettere la fattura elettronica.

Dal punto di vista della compilazione del documento non cambierà nulla: anche quando emetterai una fattura elettronica dovrai specificare di operare nel regime forfettario con la seguente dicitura:

Operazione senza applicazione dell’IVA, effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, l. n. 190 del 2014 così come modificato dalla l. n. 208 del 2015 e dalla l. n. 145 del 2018”.

Ciò che cambia è il metodo di trasmissione, che passa da cartaceo a telematico. Pertanto, se nello svolgimento della tua professione ti capiterà di dover emettere fatture a enti pubblici, sarai tenuto a utilizzare un software che inoltri i documenti in formato XML al sistema di interscambio (SDI) dell’Agenzia delle Entrate.

Leggi anche: Barman con Partita IVA: perché adottare il regime forfettario

In conclusione

In attesa delle ultime novità in tema di fatturazione elettronica per i forfettari, ci tengo a farti sapere che, qualora avessi bisogno di ulteriori chiarimenti sulle fatture alla pubblica amministrazione o di un consiglio in merito ai software gestionali, sono a tua disposizione.

Da diversi anni mi occupo esclusivamente di questo regime fiscale di cui ho studiato tutte le casistiche e su cui mi aggiorno costantemente. Vuoi fissare una consulenza gratuita con me e conoscere nel dettaglio il mio servizio di consulenza fiscale e contabile online?

Compila il Form di Contatto sul mio sito internet www.regime-forfettario.it. Sarò io stesso a richiamarti nel giro di qualche ora per chiarire qualsiasi dubbio (tariffe comprese).

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ti ricordo che, per qualsiasi tipo di considerazione, hai la possibilità di commentare questo articolo.

P.S. Ho anche creato un Gruppo di discussione Facebook riguardante il Regime Forfettario; se vuoi iscriverti, non devi fare altro che cliccare qui.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.