Mancata dichiarazione dei redditi: cosa succede

Ecco quali sono le conseguenze di una omessa presentazione del 730 o del modello Unico

Non importa che tu sia un dipendente, un pensionato o un lavoratore che ha deciso di aprire Partita IVA. A meno che tu non possegga i requisiti per richiederne l’esonero, dovrai presentare la dichiarazione dei redditi. Poiché la sua mancata presentazione comporta conseguenze serie, è giusto che tu sappia quali sono le scadenze e le sanzioni.

Nelle prossime righe ti dirò entro quali date occorre fare la dichiarazione dei redditi, cosa succede se te ne dimentichi e come evitare di finire in cattive acque per negligenza o distrazione.

Quali sono le scadenze per la dichiarazione dei redditi

Ogni anno, come immagino tu sappia, occorre presentare la dichiarazione dei redditi all’Agenzia delle Entrate. Questa comunicazione, che può essere fatta tramite un commercialista o un patronato, serve a dichiarare allo Stato le tue entrate da lavoro subordinato, da un’attività svolta con Partita IVA, da un locale in affitto, e via dicendo.

Naturalmente, la dichiarazione viene fatta in relazione alle entrate dell’anno precedente (ad esempio, nel 2022 dovrai dichiarare i redditi percepiti nel 2021). Lo Stato ha fissato delle scadenze differenti tra modello Unico e modello 730. Nel caso non lo sapessi, il primo è riservato alle persone fisiche in possesso di Partita IVA forfettaria, ordinaria e semplificata, mentre il secondo va presentato da lavoratori dipendenti e pensionati.

Per l’invio del modello Unico, la scadenza originale al 30 settembre è stata più volte modificata, fino al termine attuale del 30 novembre. Il modello 730, invece, deve essere inviato entro il 30 settembre.

Attenzione, però: considera che il termine per la dichiarazione dei redditi non coincide con quello della prima rata per il pagamento di eventuali tasse, che ha come scadenza il 30 giugno. Ad ogni modo, quasi tutti gli anni avvengono delle proroghe che consentono ai contribuenti che non riescono a presentare in anticipo la dichiarazione dei redditi di regolarizzarsi.

Nel 2021, ad esempio, questa scadenza è stata prorogata inizialmente a luglio, poi ad agosto e infine a settembre. Tornando alla dichiarazione dei redditi, immagino tu voglia sapere cosa comporti arrivare alla scadenza dei termini per la sua presentazione senza aver provveduto a inoltrarla.

Leggi anche: Modello UNICO: i quadri da compilare nel Regime Forfettario

Cosa succede se presenti la dichiarazione dei redditi in ritardo

In caso di omessa comunicazione, magari per dimenticanza o perché ti manca parte della documentazione, sappi che hai la possibilità di fare una dichiarazione tardiva entro e non oltre 90 giorni dalla scadenza imposta. Così facendo, però, dovrai provvedere in maniera autonoma a pagare una sanzione auto liquidata di 25 €.

Una cifra davvero irrisoria, specie se si considerano le implicazioni che ha una mancata comunicazione. Ma di questo ti parlerò tra poco. Prima voglio darti un consiglio che spesso mi capita di dare anche ai miei clienti.

Anche se non disponi di tutte le documentazioni necessarie alla compilazione dei modelli 730 o Unico, provvedi comunque a inviare la dichiarazione dei redditi, anche se incompleta o con reddito zero. In questo modo eviterai di incorrere in una delle situazioni più gravi agli occhi dell’Agenzia delle Entrate, ovvero l’omessa dichiarazione.

Non importa se mancano ancora i dati; per integrare la tua dichiarazione avrai sempre a disposizione la possibilità di eseguire una rettifica. Quantomeno, però, ottempererai a un obbligo che, se non onorato, porta a conseguenze spiacevoli.

Vediamo quali.

Piccola parentesi: potrebbe interessarti il mio nuovo libro.

Si intitola Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti svelerò anche in che modo potresti risparmiare migliaia di euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (15,50 €) sia in versione e-book (9,90 €)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Quali sono le sanzioni in caso di omessa dichiarazione dei redditi dopo 90 giorni dalla scadenza

Come ti ho anticipato, l’omessa dichiarazione è una condizione molto, ma molto grave. Anzi, chiamiamola con il suo vero nome: è un reato! Se non provvedi a presentare alcuna dichiarazione dei redditi né alla scadenza dei termini previsti dalla legge né entro i 90 giorni di ritardo tollerati per la comunicazione con sanzione auto liquidata, incorrerai nel reato stabilito dal D. Lgs 74/2000, che ha implicazioni amministrative e penali.

Le sanzioni pecuniarie possono variare dal 120% al 240% da calcolare sulle imposte dovute e non versate. Ma il rischio più grosso è quello di incorrere in procedimenti penali che, a seconda della gravità dei casi, possono culminare in una pena che prevede la reclusione da un anno e sei mesi a quattro anni.

Insomma, non presentare la dichiarazione dei redditi è una negligenza da evitare a tutti i costi, anche perché – come ti ho spiegato in precedenza – esiste la possibilità sia di farla in forma incompleta sia di farla in ritardo (entro 90 giorni dalla scadenza, ovviamente).

Per quanto riguarda il pagamento in ritardo delle imposte, invece, ti rimando all’articolo che ho scritto pochi giorni fa in cui parlo in maniera dettagliata sia dell’avviso bonario e delle cartelle esattoriali, sia del ravvedimento operoso.

Leggi anche: “Cosa succede se non pago le tasse?” Ecco le conseguenze

In conclusione

In questo articolo ti ho esposto le conseguenze di una mancata presentazione della dichiarazione dei redditi e ti ho dato dei suggerimenti che potrebbero esserti utili qualora tu non abbia i documenti necessari per l’inoltro dei modelli Unico e 730 o non abbia fatto in tempo a fare la dichiarazione entro le date di scadenza.

Se hai bisogno di informazioni più dettagliate riguardo a questo e ad altri temi riguardanti la Partita IVA a regime forfettario e la fiscalità in generale, io sono a tua disposizione. Sono un consulente specializzato nel regime agevolato e offro assistenza fiscale e contabile online.

Compila il Form di Contatto sul mio sito internet www.regime-forfettario.it. Sarò io stesso a richiamarti nel giro di qualche ora per chiarire qualsiasi dubbio (tariffe comprese).

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ti ricordo che, per qualsiasi tipo di considerazione, hai la possibilità di commentare questo articolo.

P.S. Ho anche creato un Gruppo di discussione Facebook riguardante il Regime Forfettario; se vuoi iscriverti, non devi fare altro che cliccare qui.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.