Partita IVA karaoke: come procedere per essere in regola

Tutto ciò che devi sapere se vuoi fare di questa forma di intrattenimento musicale la tua professione

Come per la maggior parte delle persone che svolgono questa professione, è probabile che anche per te l’attività di karaokista sia iniziata un po’ per gioco. Magari hai sfruttato la tua passione e conoscenza della musica per racimolare qualche soldino nel tempo libero ma, con il passare del tempo, hai conquistato una buona fama e ora desideri dedicarti esclusivamente all’intrattenimento nei bar, nei pub e nei ristoranti.

In questo articolo ti spiegherò quali mosse dovrai fare per svolgere l’attività di karaoke in regola con il fisco.

Partita IVA da karaokista: come aprirla per lavorare nei pubblici esercizi

Se stai pianificando di rendere questa attività la tua professione principale, ti starai chiedendo cosa serva per fare serate karaoke in maniera continuativa. Beh, dal momento che lo strumento della prestazione occasionale non può essere utilizzato per periodi prolungati, dovrai obbligatoriamente aprire la Partita IVA.

Capisco che l’idea di far fruttare la tua bravura nell’intrattenere le persone con la musica possa elettrizzarti; tuttavia, prima di agire, ti consiglio di rivolgerti a un buon commercialista. Infatti, per quanto l’apertura della Partita IVA possa sembrare un’operazione semplice, essa nasconde alcuni aspetti che potrebbero condizionare pesantemente la tua futura attività.

A breve ti dirò quali sono ma, prima di tutto, voglio spiegarti come si procede alla richiesta di questo codice numerico che ti consente di operare in proprio. L’ente che rilascia il numero di Partita IVA è l’Agenzia delle Entrate; per avviare la pratica occorre scaricare un modulo da Internet (il modello AA9/12) e compilarlo in ogni sua sezione.

In questo modulo ti verranno richiesti i dati anagrafici e fiscali, il nome e la sede della tua attività, il codice ATECO e il regime fiscale che intendi adottare. Ecco, quest’ultimo è un aspetto fondamentale poiché si tratta dell’insieme di regole fiscali e contabili che dovrai seguire durante lo svolgimento della tua professione.

Leggi anche: Ecobonus e regime forfettario: tutto ciò che devi sapere

In Italia esistono ben tre regimi fiscali, ma solo uno ti dà la possibilità di usufruire di una serie di vantaggi inestimabili. Continua a leggere per scoprire qual è.

I vantaggi di aprire la Partita IVA per karaoke nel regime forfettario

Il regime forfettario è l’unico regime fiscale agevolato attualmente attivo nel nostro Paese; rispetto al regime ordinario e al regime semplificato, esso prevede numerose semplificazioni gestionali e agevolazioni fiscali. Prima di esportele, però, ci tengo a chiarire che per poterlo adottare occorre rispettare alcuni parametri, il principale dei quali è il limite di fatturato annuo di 65.000 €.

Se sei in possesso di tutti i requisiti necessari per aprire la Partita IVA forfettaria, potrai godere di vantaggi come:

  • l’esenzione dall’IVA e, di conseguenza, dalle liquidazioni periodiche e dalle dichiarazioni annuali;
  • l’esenzione dalla ritenuta d’acconto;
  • l’esonero dall’obbligo di fatturazione elettronica;
  • l’esenzione dall’IRAP;
  • l’esonero dallo spesometro e dall’esterometro;
  • l’esonero dagli studi di settore e dal modello ISEE;
  • l’esenzione dalle addizionali comunali e regionali.

Piccola parentesi: potrebbe interessarti il mio nuovo libro.

Si intitola Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti svelerò anche in che modo potresti risparmiare migliaia di euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (15,50 €) sia in versione e-book (9,90 €)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2022

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Niente male, eh?

I benefici che ricaverai da questi punti sono impressionanti sia per quanto riguarda il tempo risparmiato e le seccature burocratiche in meno, sia sotto il profilo economico. Per dirtela in maniera chiara, la Partita IVA a regime forfettario ti permette di risparmiare tantissimi soldi ogni anno. E, questo, non solo per le semplificazioni di cui ti ho appena parlato, ma anche per le tasse ridotte.

La tua curiosità è improvvisamente aumentata? Non ho difficoltà a capirne il motivo. Vai avanti nella lettura e scopri quante tasse pagherai svolgendo l’attività di karaokista con questo regime fiscale.

La tassazione per un karaokista nel regime forfettario

Nel caso non lo sapessi, negli altri due regimi fiscali la tassazione è calcolata in base agli scaglioni di reddito; ciò significa che, superata una determinata cifra, la percentuale che dovrai versare per le imposte aumenta. Il primo scaglione reddituale IRPEF prevede il versamento del 23% sui redditi fino a 15.000 €.

Perché ti dico questo? Beh, per darti un metro di paragone con la tassazione del regime forfettario, di gran lunga la più bassa d’Italia e tra le più basse d’Europa. Questo tipo di inquadramento fiscale, infatti, prevede una flat tax del 5% su qualsiasi reddito per i primi cinque anni, superati i quali inizierai a versare il 15%.

Nel regime forfettario, oltre a essere molto più basse, le imposte sono anche più semplici da calcolare. Per ottenere l’imponibile non dovrai dedurre i costi perché lo Stato ha elaborato un sistema che calcola le tue spese in maniera forfettaria in base al tuo codice ATECO. In che modo? Con un valore percentuale chiamato coefficiente di redditività.

Leggi anche: Partita IVA da gamer professionista: perché adottare il regime forfettario

Per la tua attività, ad esempio, il coefficiente di redditività è del 67%; ipotizzando, dunque, che nel primo anno di lavoro tu incassi 10.000 €, dovrai applicare la flat tax a 6.700 €. Questo, perché lo Stato ipotizza che durante l’anno tu abbia sostenuto costi aziendali corrispondenti al 33% del tuo fatturato totale (in questo caso, 3.300 €).

In conclusione

Ora che conosci gli incredibili benefici di questo regime fiscale, presumo tu voglia avere maggiori informazioni a riguardo. Io posso aiutarti a verificare se tu sia in possesso dei requisiti per poter adottare il regime forfettario, prospettarti le spese reali a cui potresti andare incontro (comprese quelle per i contributi previdenziali), e tanto altro ancora.

Da diversi anni mi occupo esclusivamente del regime fiscale agevolato e offro un servizio di consulenza online a prezzi vantaggiosissimi.

Compila il Form di Contatto sul mio sito internet www.regime-forfettario.it. Sarò io stesso a richiamarti nel giro di qualche ora per chiarire qualsiasi dubbio (tariffe comprese).

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ti ricordo che, per qualsiasi tipo di considerazione, hai la possibilità di commentare questo articolo.

P.S. Ho anche creato un Gruppo di discussione Facebook riguardante il Regime Forfettario; se vuoi iscriverti, non devi fare altro che cliccare qui.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.