Regime Forfettario per Fattorino per Consegne a Domicilio: come funziona?

Regime Forfettario per Fattorino Consegne a Domicilio: come funziona? Grazie alla crescita esponenziale delle società di delivery food, si sta sviluppando in tutta Italia la professione del Fattorino per Consegne a Domicilio. Sempre più “rider” vengono inquadrati come Freelance ed hanno la necessità di svolgere la propria attività aprendo Partita IVA. Per essere in regola con il Fisco ed effettuare tutte le scelte fiscali e contabili nel modo corretto, ogni Fattorino per Consegne a Domicilio avrà bisogno di essere affiancato da un professionista che lo supporti nell’ apertura della propria Partita IVA e nella gestione della Contabilità. Una delle decisioni più importanti al momento dell’ apertura della Partita IVA riguarderà la scelta del Regime Fiscale al quale aderire. In particolare è in vigore dal 2016 un Regime Agevolato che garantisce, al Fattorino per Consegne a Domicilio, numerosi vantaggi fiscali e contabili.  Questo regime prende il nome di Regime Forfettario; per prendervi parte è però necessario che vengano rispettati dei requisiti ben precisi. Analizzerò nel seguente articolo tutti i vincoli ed i vantaggi che caratterizzano Il Regime Forfettario per Fattorino che effettua Consegne a Domicilio.

Aprire una Partita IVA è un passo non da poco per un Fattorino per Consegne a Domicilio; per questo motivo è importante conoscere tutte  le caratteristiche del mondo che circonda la Partita IVA  ed effettuare nel modo migliore la scelta del Regime Fiscale al quale aderire.

Esiste dall’1 Gennaio 2016 un Regime Agevolato, che consente a tutti i Fattorini per Consegne a Domicilio in possesso di Partita IVA, di ottenere delle rilevanti agevolazioni fiscali. Questo regime prende il nome di Regime Forfettario.

Il Regime Forfettario oltre a garantire una notevole riduzione delle spese tributarie, offre la possibilità di eliminare numerose procedure burocratiche semplificando di molto la tenuta della contabilità. Per ottenere questo tipo di agevolazioni sarà necessario però rispettare alcuni requisiti vincolanti senza i quali non sarà possibile prendere parte al Regime Forfettario.

Analizzerò di di seguito tutti i requisiti ed i vincoli che un Fattorino per Consegne a Domicilio deve rispettare per poter accedere al Regime Forfettario.

Regime Forfettario per Fattorino per Consegne a Domicilio: i requisiti

I requisiti imposti dal Regime Forfettario sono una condizione necessaria per potervi aderire. Il più importante di questi è con certezza il vincolo reddituale. Questo impone una soglia di fatturato annuo non superiore ad i 30.000 Euro, pena l’esclusione dal regime stesso.

Il Fattorino per Consegne a Domicilio può aderire al Regime Forfettario anche se già in possesso di un lavoro dipendente. Dovrà però aver percepito, nell’anno precedente, una retribuzione non superiore ad i 30.000 Euro lordi. I limiti di reddito delle due professioni devono essere considerati indipendenti l’uno dall’altro; sarà quindi possibile fatturare sino ad un tetto massimo di 30.000 Euro con l’attività di Fattorino per Consegne a Domicilio e contemporaneamente percepire un reddito da lavoro dipendente non superiore a 30.000 Euro lordi annui.

Il vincolo reddituale è una condizione che deve essere mantenuta, non solo al momento di ingresso nel Regime Forfettario, ma anche durante gli anni di permanenza all’interno dello stesso. Se dovessero venire meno uno o più requisiti di apparenza  sarà obbligatorio abbandonare il Regime Forfettario a partire dal 1 Gennaio Dell’anno successivo.

Se vuoi approfondire l’argomento dei limiti di fatturato ho già scritto un articolo in merito che puoi consultare qui: Limiti di Fatturato nel Regime Forfettario.

Un altro requisito necessario per poter aderire al Regime Forfettario è quello dei Beni Strumentali. I costi relativi a questa tipologia di beni non potranno superare il limite di 20.000 Euro .

L’ultimo vincolo che deve essere rispettato fa riferimento alla categoria di costi per collaboratori o lavoratori dipendenti. L’ammontare dei loro compensi non potrà superare i 5.000 Euro lordi annuali.

Il Regime Forfettario può essere utilizzato senza dover rispettare nessun limite temporale. Al contrario del suo predecessore, il Regime dei Minimi, che aveva dei requisiti di accesso vincolati all’età del contribuente e dagli anni di utilizzo, il Regime Forfettario può essere adoperato per tutta la propria vita professionale a patto che vengano sempre rispettati i suoi vincoli.

Analizzerò adesso quali vantaggi possono ottenere i Fattorini per Consegne a Domicilio che utilizzano il Regime Forfettario.

Piccola parentesi: da pochissimi giorni ho pubblicato il mio primo libro.

Si chiama Regime Forfettario 2019 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti spiegherò anche come risparmiare migliaia di Euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (14,90 Euro) sia in versione Ebook (9,90 Euro)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Regime Forfettario per Fattorino per Consegne a Domicilio: come funziona?

Il Regime Forfettario offre al Fattorino per Consegne a Domicilio numerosi Vantaggi contabili e fiscali; vediamo di seguito quali sono:

  1. Tassazione più Bassa – Ogni Fattorino per Consegne a Domicilio che aderisce al Regime Forfettario andrà incontro ad una tassazione IRPEF notevolmente ridotta. Per i primi cinque anni dalla data di apertura della Partita IVA verrà pagata un aliquota estremamente bassa pari cioè al 5%; dal sesto anno in poi l’IRPEF si attesterà invece al 15%. Questa percentuale rimane comunque di grande vantaggio se si considera che all’interno del Regime Ordinario, l’unica alternativa al Regime Forfettario, le imposte dovute variano tra un minimo del 23% ad un massimo del 43%, in relazione ai livelli di fatturato.
  2. Esenzione IVA – Ogni Fattorino per Consegne a Domicilio che deciderò di aderire al Regime Forfettario avrà il notevole vantaggio di essere esente dal regime IVA. Questo significa non dovrà essere aggiunta l’ IVA all’ interno delle proprie fatture, si potranno quindi offrire le proprie prestazioni professionali a prezzi inferiori rispetto ad i competitors che fanno parte del Regime Ordinario, obbligati quindi ad aggiungere l’ IVA ai propri compensi.
  3. Esenzione dalla Ritenuta d’Acconto – Il Regime Forfettario non prevede nessuna forma di Ritenuta d’Acconto. I Fattorini per Consegne a Domicilio potranno quindi percepire il 100% dei propri compensi senza dover subire alcuna trattenuta dalla propria retribuzione. Non avranno quindi la necessita di inserire la voce Ritenuta d’Acconto all’interno delle proprie fatture.
  4. Semplificazioni Contabili – La contabilità presente all’interno del Regime Forfettario è molto più semplice di quella prevista per tutti gli altri Regimi Fiscali. Non necessita infatti di nessuna Dichiarazione IVA (ne trimestrale ne annuale), non sarà necessario registrare le fatture di acquisto, non si verrà sottoposti ad eventuali studi di settore e si sarà esenti dall’invio dello spesometro. Inoltre chiunque aderisce al Regime Forfettario sarà esente dal pagamento dell’IRAP.

Nel Regime Forfettario i Costi Aziendali scaricabili saranno calcolati in modo diverso rispetto agli altri Regimi Fiscali, ed in molti casi può risultare vantaggioso per i Fattorini che effettuano Consegne a Domicilio. Infatti sarà adesso possibile dedurre dal proprio fatturato un coefficiente di costo “forfettario” già deciso dal Fisco. Questo coefficiente andrà scaricato a prescindere dall’ammontare dei costi aziendali effettivamente sostenuti durante l’anno solare. La percentuale di costi scaricabile per il Fattorino per Consegne a Domicilio è pari al 22% del propio fatturato. Non sarà quindi più necessario conservare le proprie fatture di acquisto come prova dei costi aziendali effettivamente sostenuti.

I Costi Forfettari vengono calcolati attraverso l’utilizzo di Coefficienti di Redditività. Basterà applicare il relativo coefficiente al fatturato prodotto per ottenere la Base Imponibile sulla quale procedere al calcolo delle Tasse e dei Contributi Previdenziali. Il Coefficiente di Redditività di un Fattorino per Consegne a Domicilio è uguale al 78%. Ho già scritto un articolo che approfondisce meglio i Costi Forfettari, se vuoi chiarire questo argomento clicca qui: Come Calcolare i Costi nel Regime Forfettario

Tutto chiaro fin qui? Se dovessi avere ancora qualche dubbio non esitare a richiedere la tua personale Consulenza Gratuita. Basterà andare sul mio sito www.regime-forfettario.it e compilare il form di contatto con i tuoi dati personali. Ti contatterò io stesso telefonicamente entro poche ore per rispondere a tutte le tue domande.

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Regime Forfettario per Fattorino per Consegne a Domicilio: come calcolare i Contributi INPS

I Fattorini per Consegne a Domicilio, come tutti i professionisti con Partita IVA, dovranno anche inquadrare la loro posizione contributiva ed effettuare il versamento dei propri Contributi INPS.

Il Fattorino come tutte le libere professioni prive di un albo professionali di riferimento dovrà iscriversi in Gestione Separata INPS, dove potrà pagare i propri Contributi Previdenziali in modo proporzionale al reddito lordo prodotto, evitando di versare i Contributi in quota fissa annuale.

I Fattorini per Consegne a Domicilio pagheranno una quota di Contributi INPS pari al 25,72% della propria Base Imponibile (Fatturato – Costi Forfettari). I costi saranno quindi sempre calcolati in percentuale a prescindere dal livello del fatturato prodotto.

Al contrario, tutti i Commercianti ed Artigiani sono invece tenuti al pagamento di una quota fissa annuale. Saranno quindi obbligati all’iscrizione in Camera di Commercio e al versamento della quota minimale di contributi, pari a 3.600 Euro annui, indipendentemente dal livello di fatturato. Quindi, anche davanti all’ipotesi di un basso livello di reddito annuale, i Commercianti ed Artigiani saranno ugualmente tenuti al pagamento della quota minimale.

Riporterò di seguito un esempio numerico che simulerà il calcolo delle Tasse e dei Contributi INPS di un Fattorino per Consegne a Domicilio che decide di aderire al Regime Forfettario.

Regime Forfettario per Fattorino per Consegne a Domicilio: quante tasse si pagheranno?

Il Calcolo dei Contributi Previdenziali e delle Tasse di un Fattorino per Consegne a Domicilio viene effettuato sul proprio Reddito Lordo. Questo è calcolato effettuando la differenza tra i Ricavi ed i Costi Forfettari.

Come abbiamo precedentemente visto, nel regime Forfettario per ottenere la base imponibile basterà applicare al Fatturato annuale il coefficiente di redditività relativo alla Professione del Fattorino che effettua Consegne a Domicilio. In questo caso specifico il coefficiente è pari al 78% del fatturato.

Per semplicità di calcolo ipotizziamo dei ricavi annuali di 20.000 Euro. Applicando a questa cifra il coefficiente di redditività del 78% otteniamo la base imponibile sulla quale calcolare le Tasse ed i Contributi INPS.

Il Reddito Lodo sarà uguale a 15.600 Euro (78% di 20.000 Euro)

Il calcolo IRPEF avviene applicando semplicemente il 5% (per i primi cinque anni di attività) al Reddito Lordo. L’imposta sostitutiva IRPEF ammonterà a 780 Euro (5% di 15.600 Euro). Il calcolo dei Contributi Previdenziali INPS invece avviene calcolando sempre sul Reddito Lordo la relativa l’aliquota del 25,72%. I Contributi ammonteranno a 4.012 Euro (25,72% di 15.600).

In sintesi un Fattorino per Consegne a Domicilio che fattura 20.000 Euro annui dovrà pagare, tra Tasse e Contributi INPS, una cifra di 4.792 Euro.

Come è facile evincere i Fattorini che decideranno di aderire al Regime Forfettario non dovranno affrontare spese annuali sproporzionate al proprio fatturato. Per questo motivo, se viene rispettato il limite reddituale di 30.000 Euro, il Regime Forfettario risulta essere estremamente vantaggioso.

Commercialista per Fattorino per Consegne a Domicilio: quanto costa?

Un Commercialista “classico” per la gestione di un Contribuente titolare di Partita IVA nel Regime Forfettario ha una tariffa media di 1.000-1.200 Euro annuali. Adesso però voglio parlarti del mio Servizio di Contabilità Online che sono sicuro trovare molto vantaggioso.

Ho sviluppato un servizio di Contabilità Online per tutti i Fattorini per Consegne a Domicilio che hanno deciso di aderire al Regime Forfettario. I miei compiti sono simili a quelli di un Commercialista “classico” con la differenza che io offro un servizio altamente specializzato a dei costi modesti. Nello specifico mi occuperò di:

  • Apertura della tua Partita IVA
  • Gestione della tua Contabilità
  • Invio della tua Dichiarazione dei redditi
  • Assistenza personale 365 giorni l’anno

Ho scelto di dedicarmi esclusivamente al Regime Forfettario per offrire ai miei clienti un elevato tasso di specializzazione. Questa scelta professionale mi da la possibilità di concentrarmi anche sull’attività di aggiornamento e di studio. Dopo anni di esperienza, posso dire oggi di essere diventato un vero e proprio specialista del settore capace di gestire con precisione tutte le casistiche possibili.

La mia tariffa è di 39 Euro al mese (inclusivi di IVA) pagabili scegliendo tra tre diverse tipologie di abbonamento pensate appositamente per i miei cliienti: trimestrale, semestrale ed annuale.

Spero che questo articolo abbia finalmente risposto a tutte le tue domande in merito al Regime Forfettario per Fattorino per Consegne a Domicilio. Se dovessi avere bisogno di ulteriori chiarimenti riguardo al Regime Forfettario ed al suo funzionamento non esitare a richiedere la tua personale Consulenza Gratuita. Ti basterà visitare il mio sito web www.regime-forfettario.it  e compilare il form di contatto con i tuoi dati personali. Io stesso ti chiamerò per rispondere a tutti i tuoi dubbi.

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ti ricordo che per qualsiasi tipo di considerazione avrai la possibilità di commentare l’articolo.

P.S. Ho anche creato un gruppo di discussione su Facebook riguardante il Regime Forfettario, se vorrai prenderne parte, ti basterà cliccare qui  per iscriverti.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.