Partita IVA istruttore di equitazione: come aprirla

Vuoi lavorare come istruttore sportivo in questo ambito? Ecco come farlo da lavoratore autonomo

Vorresti aprire la Partita IVA da istruttore di equitazione ma non hai alcuna conoscenza in materia fiscale? Procedendo senza un valido appoggio rischi di affrontare parecchi disagi e, anziché goderti questo splendido lavoro e guadagnare bene, ti ritroverai a non dormire la notte per via delle tasse troppo alte e dei debiti.

Fortunatamente Internet ti dà la possibilità di informarti e di prendere le dovute precauzioni. In questo articolo, infatti, ti spiegherò come procedere correttamente all’apertura della Partita IVA e come pagare meno tasse in maniera legale.

Come si apre la Partita IVA da istruttore di equitazione

Se hai una grande passione per i cavalli e sei qualificata/o come istruttore di equitazione, è possibile che tu desideri svolgere questa professione in proprio per svariati motivi. Magari non vuoi essere legata/o a orari imposti dal maneggio in cui lavori come dipendente oppure ambisci a guadagnare di più fornendo lezioni private oltre a quelle che impartisci ai soci di una struttura iscritta alla FISE (Federazione italiana sport equestri).

Al di là delle ragioni che ti spingono a voler intraprendere la strada del lavoro autonomo, devi sapere che, per avviare questo tipo di attività, dovrai necessariamente aprire Partita IVA. Tale operazione è gratuita e non richiede tempistiche lunghe. Tuttavia, prima di agire, ti consiglio di rivolgerti a un bravo commercialista; questa figura professionale, oltre ad aiutarti a compilare correttamente il modulo di richiesta da inoltrare all’Agenzia delle Entrate (il modello AA9/12), può provvedere all’apertura della Partita IVA online tramite il modello telematico ComUnica.

Ma, cosa ti viene richiesto di indicare in questo modulo?

Oltre ai tuoi dati fiscali e anagrafici, il nome e la sede della tua attività, dovrai specificare quale codice ATECO utilizzerai per svolgere la tua professione. Inoltre – passaggio fondamentale – dovrai scegliere il regime fiscale che intendi adottare.

Leggi anche: Fatturazione elettronica nel regime forfettario nel 2022: come funziona?

Questa decisione è molto importante perché stabilisce quali regole fiscali e contabili dovrai seguire; in Italia esistono tre tipi di regime fiscale:

Quest’ultimo è senza dubbio il più conveniente dei tre e, nelle prossime righe, ti spiegherò perché.

Istruttore di equitazione con Partita IVA forfettaria: i vantaggi gestionali

Se intendi avviare un’attività di istruttore di equitazione con il minor carico di adempimenti fiscali possibile, la Partita IVA forfettaria è la soluzione che fa per te. Per adottare questo regime fiscale, però, è necessario rispettare alcuni parametri, i principali dei quali sono:

  • il limite di fatturato di 65.000 €;
  • il limite di reddito proveniente da lavoro subordinato di 30.000 €;
  • il limite di spese per il personale di 20.000 €.

Piccola parentesi: potrebbe interessarti il mio nuovo libro.

Si intitola Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti svelerò anche in che modo potresti risparmiare migliaia di euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (15,50 €) sia in versione e-book (9,90 €)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Bene, ora vediamo quali sono le semplificazioni gestionali e le agevolazioni fiscali più significative di cui usufruirai in caso di apertura di Partita IVA a regime forfettario. Per prima cosa, potrai operare fuori dal campo IVA, il che significa che non dovrai applicare l’imposta sul valore aggiunto alle tue fatture né versare le liquidazioni periodiche né presentare la dichiarazione annuale. Inoltre, non sarai tenuta/o a registrare le fatture e i corrispettivi.

Sarai esonerata/o dall’obbligo di fatturazione elettronica, dal modello ISEE e dallo spesometro. Inoltre, godrai dell’esenzione dalla ritenuta d’acconto (incasserai sempre il 100% dei tuoi compensi), dal pagamento dell’IRAP e delle addizionali comunali e regionali.

Tutti questi vantaggi ti consentiranno di avere meno rogne burocratiche e di risparmiare tantissimi soldi.

A proposito: vuoi conoscere il beneficio economico più importante del regime forfettario? Nel prossimo paragrafo te ne parlerò.

Tasse e contributi INPS per un istruttore di equitazione

Immagino che, all’idea di aprire una Partita IVA, il tuo primo pensiero vada a quanto potresti guadagnare e, inevitabilmente, a quante tasse dovrai pagare. Beh, sarai contenta/o di sapere che il regime forfettario prevede la tassazione più bassa d’Italia.

Operando con tale inquadramento fiscale verserai le imposte in relazione a un’aliquota fissa, una flat tax del 15% su qualsiasi importo reddituale. Non solo: in caso di nuova apertura, per i primi cinque anni di attività potrai godere di una riduzione e verserai un’aliquota del 5%.

Fantastico, vero?

Tra l’altro devi sapere che, per calcolare l’imponibile, non dovrai dedurre i costi (altro lavoro in meno per il commercialista) perché il fatturato lordo verrà calcolato tramite il coefficiente di redditività assegnato al tuo codice ATECO. Per un istruttore sportivo, questo coefficiente è del 78%; pertanto, per sapere su quale importo dovrai versare le tasse, non dovrai far altro che moltiplicare per questo valore il fatturato totale prodotto durante l’anno.

Leggi anche: Partita IVA da tecnico ortopedico: come aprirla a condizioni vantaggiose

Per quanto riguarda i contributi, invece, potresti dover effettuare due tipi di versamento:

  • alla gestione separata INPS, per le prestazioni fornite ai privati cittadini (quota del 25,98% da calcolare sul fatturato lordo);
  • all’ex Enpals, per le prestazioni fornite ad associazioni sportive (quota del 33% sul compenso giornaliero, di cui il 23,81% a carico del committente).

In conclusione

In questo articolo ti ho spiegato come si procede all’apertura della Partita IVA da istruttore di equitazione e ti ho esposto i principali vantaggi del regime forfettario. Dopo averli scoperti, è probabile che tu sia curiosa/o di saperne di più e di verificare se sei in possesso dei requisiti per poterlo adottare.

In questo posso darti una mano. Mi occupo di regime forfettario da tantissimo tempo e offro un servizio di consulenza fiscale e contabile online rivolto esclusivamente a chi opera o è interessato a operare in questo regime fiscale.

Compila il Form di Contatto sul mio sito internet www.regime-forfettario.it. Sarò io stesso a richiamarti nel giro di qualche ora per chiarire qualsiasi dubbio (tariffe comprese).

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ti ricordo che, per qualsiasi tipo di considerazione, hai la possibilità di commentare questo articolo.

P.S. Ho anche creato un Gruppo di discussione Facebook riguardante il Regime Forfettario; se vuoi iscriverti, non devi fare altro che cliccare qui.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.