Partita IVA naturopata: come aprirla a condizioni favorevoli

Ecco come dovresti agire se desideri svolgere la professione di operatore olistico in proprio

Ti piacerebbe avviare un’attività in proprio nel settore della naturopatia ma, non conoscendo bene gli aspetti fiscali che questo implica, hai ancora qualche dubbio a riguardo? Fai benissimo a cercare informazioni. Molte persone, prima di prendere una decisione definitiva, preferiscono vederci chiaro.

In questo articolo ti spiegherò come aprire Partita IVA per svolgere la professione di naturopata e ti indicherò il regime fiscale più vantaggioso per te.

Partita IVA naturopata: come si apre e quali sono i costi

Voglio darti subito una buona notizia: l’apertura della Partita IVA è un’operazione assolutamente gratuita per tutte le persone fisiche che intendono lavorare in proprio come freelance o con ditta individuale. Pertanto, se hai la passione per la naturopatia e hai frequentato una scuola per specializzarti in una o più branche di questa medicina alternativa, tutto ciò che devi fare per iniziare a lavorare come libero professionista è compilare un modulo scaricabile da Internet.

Il modello AA9/12, una volta compilato, deve essere inoltrato all’Agenzia delle Entrate. Per farlo, hai a disposizione tre metodi:

  • puoi aprire la Partita IVA online compilando il modulo nella sezione telematica del sito dell’ente;
  • puoi inviare il modulo all’agenzia tramite raccomandata;
  • puoi recarti direttamente presso l’ufficio territoriale più vicino.

Una volta avviata la pratica, nel giro di un paio di giorni ti verrà assegnato il numero di Partita IVA e sarai libero (o libera) di iniziare a prenderti cura dei tuoi pazienti.

Attenzione, però: la compilazione del modello AA9/12 nasconde alcune insidie che potrebbero compromettere lo svolgimento della tua attività. Ora ti spiego quali.

Leggi anche: Partita IVA omeopata: questo, il regime fiscale più conveniente

Partita IVA naturopata: come scegliere il codice ATECO e il regime fiscale

Il modulo per la richiesta della Partita IVA prevede la compilazione di diversi quadri; due di questi sono particolarmente importanti, ed è per questo che, prima di inoltrare la pratica, è saggio chiedere un consulto a un bravo commercialista.

Mi riferisco al campo relativo al codice ATECO e a quello in cui dovrai indicare il regime fiscale che intendi adottare.

Nel primo caso si parla di un codice cifrato che indica l’attività specifica che intendi svolgere con la tua Partita IVA ed è fondamentale non commettere errori; se durante un controllo dovesse emergere che presti un servizio diverso da quello indicato dal tuo codice ATECO, infatti, andresti incontro a una multa pesante.

Affinché tu non corra il rischio di sbagliare, ti informo che il codice ATECO per un naturopata che decide di operare come libero professionista è: 96.09.09 (Altre attività di servizi per la persona nca). Se, invece, dovessi fare un passo più grande e aprire uno studio di naturopatia, il codice da indicare è: 96.04.10 (Servizi dei centri per il benessere fisico).

Per quanto riguarda il regime fiscale, altro non è che l’insieme di regole che dovrai seguire nella conduzione fiscale e contabile della tua attività. In Italia esistono tre tipi di regime fiscale: ordinario, semplificato e forfettario. Le condizioni migliori per avviare questo genere di professione (ma anche tante altre) le troverai adottando il regime forfettario, e ora ti spiegherò perché.

Piccola parentesi: potrebbe interessarti il mio nuovo libro.

Si intitola Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti svelerò anche in che modo potresti risparmiare migliaia di euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (15,50 €) sia in versione e-book (9,90 €)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2022

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

I vantaggi principali del regime forfettario per un naturopata

La Partita IVA forfettaria consente di risparmiare numerose seccature burocratiche e di risparmiare tantissimi soldi. Tuttavia, per poter adottare questo regime fiscale occorre rispettare alcuni requisiti, uno su tutti il limite di fatturato annuo di 65.000 €.

Il vantaggio più importante del regime agevolato riguarda la tassazione, che è la più bassa in Italia e tra le più basse in Europa. Aprendo Partita IVA a regime forfettario usufruirai di una flat tax del 5% per i primi cinque anni di attività, per poi salire al 15% dal sesto anno in poi.

Inoltre, non solo pagherai meno tasse, ma non dovrai dedurre i costi aziendali per calcolare l’imponibile. Lo Stato, infatti, per semplificare il calcolo del fatturato lordo (quello su cui si versano le imposte), ha assegnato un coefficiente di redditività a tutti i codici ATECO.

Per entrambi i codici che ti ho indicato nel paragrafo precedente, il coefficiente di redditività è del 67%. Ciò significa che, a fronte di un ipotetico fatturato totale annuo di 10.000 €, pagherai le tasse solo su 6.700 €; gli altri 3.300 €, infatti, verranno esclusi in maniera forfettaria dalla tassazione perché lo Stato quantifica le tue spese nella percentuale del 33% sul fatturato totale.

Un altro grande vantaggio sia fiscale sia contabile è l’esenzione dall’IVA. Nel regime forfettario, infatti, sarai escluso da questo campo e non sarai costretto né a registrare i corrispettivi e le fatture, né a presentare la dichiarazione annuale, né a pagare le liquidazioni trimestrali. Non solo: non dovendo applicare l’IVA ai tuoi compensi, avrai tariffe nettamente più abbordabili rispetto ai tuoi concorrenti; di conseguenza, le persone saranno incentivate a rivolgersi a te piuttosto che ad altri naturopati.

Leggi anche: Insegnante di musica con Partita IVA: qual è il regime fiscale migliore

Altre semplificazioni gestionali e agevolazioni che rendono conveniente l’apertura della Partita IVA forfettaria sono:

  • l’esonero dalla fatturazione elettronica;
  • l’esenzione dal versamento dell’IRAP;
  • l’esonero dallo spesometro;
  • l’esonero dagli studi di settore;
  • l’esenzione dalla ritenuta d’acconto;
  • l’esenzione dal pagamento delle addizionali comunali e regionali.

Per quanto riguarda i contributi pensionistici, invece, devi sapere che non ci sono agevolazioni per chi svolge la professione di naturopata. Gli unici a poter godere di una riduzione dei versamenti contributivi, infatti, sono gli artigiani e i commercianti. Tieni presente, però, che la cassa alla quale avrai l’obbligo di iscriverti (la gestione separata INPS) non prevede quote fisse.

Pertanto, verserai i tuoi contributi previdenziali in base al tuo reddito in una percentuale del 26,23%.

In conclusione

In questo articolo ti ho spiegato come si apre la Partita IVA da naturopata e ti ho esposto i vantaggi più significativi del regime forfettario, regime fiscale di cui io conosco e studio ogni giorno tutti gli aspetti e le casistiche.

Hai interesse ad avviare la tua attività di naturopata con una Partita IVA a regime forfettario e vuoi conoscerne meglio i requisiti, le regole e le particolarità?

Compila il Form di Contatto sul mio sito internet www.regime-forfettario.it. Sarò io stesso a richiamarti nel giro di qualche ora per chiarire qualsiasi dubbio (tariffe comprese).

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ti ricordo che, per qualsiasi tipo di considerazione, hai la possibilità di commentare questo articolo.

P.S. Ho anche creato un Gruppo di discussione Facebook riguardante il Regime Forfettario; se vuoi iscriverti, non devi fare altro che cliccare qui.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.