Partita IVA per cantanti

Cantare, cantare e … cantare! Se ti alzi al mattino e non fai altro che cantare, allora la tua professione è quella del cantante.

Sfondare nel mondo della musica non è di certo una passeggiata, ma se possiedi le giuste competenze e qualità potresti davvero raggiungere il successo e, perché no, entrare a far parte dei “Big” della musica.

Già, ma un conto è essere cantante dilettante e un conto esercitare professionalmente l’attività di cantante.

Chi si esibisce in piazza o canta in certe occasioni può pensare di lavorare con la ritenuta d’acconto, ma le cose cambiano se si decide di intraprendere con continuità la professione di cantante.

In questo caso è obbligatorio aprire la Partita IVA e adempiere agli obblighi fiscali e contributivi derivanti. Quale regime fiscale scegliere? Quale Codice ATECO comunicare all’Agenzia delle Entrate? Come versare i contributi previdenziali? Quali sono i costi derivanti dall’apertura della Partita IVA Forfettaria? Sono tantissimi i quesiti che ci si pone quando si valuta l’apertura della Partita IVA da cantante.

Continua a leggere questa guida e scopri tutti i dettagli.

Diventare cantante: un sogno nel cassetto o un’opportunità?

Raggiungere l’apice del successo nel mondo della musica non è assolutamente una facile impresa: sono tantissimi i giovani che ogni anno fanno provini e che partecipano a talent show (vedi XFactor, Amici e affini).

Questo trend ha prodotto un sovraffollamento di artisti e aspiranti, creando una sorta di congestione in termini di spazi e visibilità. Dato che c’è molta concorrenza, per diventare cantanti è importantissimo puntare alla qualità del prodotto che si pone al pubblico.

Per diventare un Artista con la A maiuscola è necessario fare molta gavetta e porsi sempre un obiettivo concreto per andare avanti e fare bene.

Si può cominciare da qualcosa di piccolo del tipo, “fare una prima esibizione Live davanti a un pubblico”, o “produrre il primo disco” o “esibirsi in un concerto”.

Certo, ma la realizzazione professionale dipende sì da cause endogene, ma anche da fattori esogeni, come il gusto del pubblico, la percentuale di gradimento, il genere musicale, la concorrenza e un buon pizzico di Fortuna.

E, allora, quali sono i buoni consigli per intraprendere la carriera di cantante e tentare la strada del successo?

  • Originalità: proponi un prodotto musicale originale, creativo, ma anche “contaminato”. Non deve essere un mero plagio, lasciarsi influenzare è un buon inizio. Meglio se il brano musicale è un connubio di nuovi stili vocali, nuove idee e nuove chiavi di scrittura.
  • Vocalità: la buona tecnica vocale consente all’artista di conquistare il pubblico e di comunicare emozioni e nuove sensazioni mai ascoltate.
  • Autocritica:le ciambelle non vengono tutte con il buco”! Nel campo della musica ci vuole una buona dose di autocritica. Per questo il prodotto musicale proposto al pubblico non sempre rispetta gli obiettivi attesi.
  • Immagine: oltre alle doti canore, è fondamentale curare la propria immagine nei minimi dettagli. Massima attenzione anche alla coerenza con lo stile musicale che si propone.

Se si ama ciò che si fa, è buon consiglio iniziare a lavorare con amore e dedizione per raggiungere i risultati auspicati nel più breve tempo possibile.

Partita IVA Cantante: come aprirla?

Inizialmente gli introiti saranno molto esigui e potrai lavorare con la ritenuta d’acconto ricorrendo alla prestazione occasionale.

Il termine “prestazione occasionale” implica che l’attività svolta è sporadica e non coordinata.

Se ti esibisci saltuariamente, non è necessario aprire la Partita IVA, ma se intraprendi la professione in modo abituale e continuativo, devi necessariamente procedere con l’apertura della Partita IVA.

In che modo? Puoi scaricare la modulistica reperibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, ma il miglior consiglio è quello di farsi seguire da un Commercialista di fiducia.

Per quanto concerne i documenti necessari per procedere all’apertura della Partita IVA da cantante, ti consiglio di leggere questa guida.

Per le tempistiche, aprire la Partita IVA è super veloce e quasi immediato. Nel frattempo, potrai continuare a lavorare senza problemi.

Partita IVA Cantante: Codice ATECO

Contestualmente all’apertura della Partita IVA dovrai comunicare all’Agenzia delle Entrate anche il Codice ATECO.

Nel caso di cantante potrai utilizzare i seguenti Codici ATECO:

  • 90.03.09 per i musicisti,
  • 90.01.09 per gli esecutori e concertisti.

Nel caso tu fossi sia un cantante che un compositore, puoi comunicare entrambi i codici ATECO e segnalare all’Agenzia delle Entrate qual è l’attività prevalente tra le due.

Ti sembra tutto molto complicato? Se dovessi avere bisogno di aiuto posso offrirti una Consulenza Gratuita. Ti basterà richiederla sul mio sito www.regime-forfettario.it compilando il form di contatti con tutti i tuoi dati. Sarò io stesso a richiamarti telefonicamente entro qualche ora e cercherò di chiarire tutti i tuoi dubbi.

Partita IVA Cantante: Regime Forfettario

Dovrai optare anche per il regime fiscale a te più conveniente. Il Regime Forfettario è il regime fiscale che ad oggi consente di far risparmiare imposte rispetto a tutti gli altri Regimi Fiscali presenti in Italia.

Forse non sai che a partire dal primo gennaio 2019 la Legge di Bilancio 2019 ha modificato i requisiti necessari per aderire al Regime Forfettario.

L’unico requisito necessario da rispettare è 65.000 euro, il limite massimo di fatturato annuo per optare per il Forfettario.

Partita IVA Forfettaria Cantante: quali sono i vantaggi?

Aprire la Partita IVA Forfettaria da cantante comporta interessanti vantaggi:

  • aliquota al 15% o al 5% (per i primi 5 anni di attività) in sostituzione dell’Irpef, Irap e altri tributi;
  • esenzione dalla ritenuta d’acconto,
  • esenzione dalla fatturazione elettronica,
  • esenzione dall’esterometro,
  • contabilità semplificata,
  • esenzione dagli Studi di Settore.

Piccola parentesi: da pochissimi giorni ho pubblicato il mio secondo libro.

Si chiama Regime Forfettario 2019 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti spiegherò anche come risparmiare migliaia di Euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (14,90 Euro) sia in versione Ebook (9,90 Euro)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Partita IVA Cantante: contributi previdenziali

Aprire la Partita IVA comporta, tra gli altri adempimenti, l’obbligatorietà di versare i contributi previdenziali che, in futuro, ti permetteranno anche di ricevere una pensione.

Il cantante deve iscriversi alla gestione contributiva dell’ex Enpals in qualità di lavoratore autonomo esercente attività musicale.

Il contributo di agibilità, rilasciato dalla cassa previdenziale, deve essere chiesto al fine di poter effettuare l’esibizione in pubblico.

Il suo rilascio è essenziale in quanto anche l’azienda che ospita il cantante dovrà possederlo per ospitare l’esibizione. Sono esonerati dalla compilazione del certificato:

  • i minorenni,
  • gli studenti fino a 25 anni di età,
  • i pensionati con più di 65 anni.

I contributi da versare alla cassa previdenziale sono di tre tipi:

  • il 33% del compenso pattuito, di cui il 23,81% a carico del committente e il 9,19% a carico del lavoratore,
  • il 5% di contributo di solidarietà a carico del lavoratore e per metà a carico del committente (dovuto per compensi superiori ai 300,07€),
  • l’1% di contributo aggiuntivo a carico del lavoratore della parte del compenso giornaliero eccedente la somma di 137,95€.

Partita IVA Cantante: Costi Commercialista

Quanto costa il Commercialista per chi vuole aprire Partita IVA da Cantante? Forse ancora non mi conosci, mi chiamo Giampiero Teresi e ho sviluppato un Servizio di Contabilità completamente Online per tutti i titolari di Partita IVA nel Regime Forfettario.

Nello specifico mi occupo di:

  • Aprire la tua Partita IVA
  • Gestire la tua Contabilità
  • Offrirti la mia Consulenza 365 giorni l’anno
  • Compilare ed inviare la tua Dichiarazione dei Redditi.

Leggi le recensioni di chi ha utilizzato il mio servizio di contabilità.

Il costo di tutto ciò sarà di soli 39 Euro al mese, già comprensivi di IVA, che potrai pagare scegliendo tra tre tipi di piani di Abbonamento: trimestrale, semestrale o annuale.

Se dovessi avere qualsiasi altro dubbio sulla Partita IVA per cantanti o se volessi ricevere maggiori informazioni sul mio Servizio di Contabilità Online, richiedimi una Consulenza Gratuita! Ti basterà richiederla sul mio sito www.regime-forfettario.it compilando il form di contatto con tutti i tuoi dati, sarà io stesso a richiamarti entro qualche ora!

P.S. Esiste un gruppo Facebook creato da me, totalmente dedicato al Regime Forfettario. Se vorrai prendervi parte potrai iscriverti in qualsiasi momento, ti basterà cliccare qui 

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.