Partita iva servizi alla Persona: Come aprirla, quante tasse e quali contributi si pagano

Ecco cosa deve sapere chi intende avviare un’attività di servizi alla persona, specie sfruttando i vantaggi del regime forfettario.

Se stai cercando informazioni su come aprire una partita iva online per esercitare in proprio la tua professione nel settore dei servizi alla persona è probabile che abbia già effettuato delle ricerche anche per trovare un commercialista online, con l’obbiettivo di avere una consulenza circa le diverse possibilità che ti si prospettano.

Una di queste possibilità è certamente quella di optare per una partita iva forfettaria. In questo articolo cercheremo di chiarire quando è necessario aprire partita IVA, con un’attenzione particolare per la partita iva nel regime forfettario dal momento che presenta diversi vantaggi.

Partita IVA servizi alla persona: quando è necessario aprirla e perché adottare il regime forfettario.

Quando parliamo di servizi alla persona pensiamo a figure che forniscono servizi socio-assistenziali o a figure come il personal trainer, l’estetista o il massaggiatore.

Tutte queste figure professionali possono operare da dipendenti ma anche in autonomia. In quest’ultimo caso naturalmente è loro dovere accertarsi di operare in regola a livello fiscale e contributivo e nella maggior parte dei casi è necessario avere una partita IVA.

Non sempre tuttavia è imposto tale obbligo nei servizi domestici svolti da lavoratori autonomi. C’è uno strumento infatti che consente di fornire il proprio servizio in quest’ambito in maniera più semplice. Stiamo parlando della prestazione occasionale.

Questa strada è percorribile qualora sia verosimilmente possibile rispettare determinati criteri. Per sfruttare la prestazione occasionale infatti è tassativo:

  • che non ci sia una continuità lavorativa, ovvero che non si lavori per più di 30 giorni consecutivi;
  • che nell’arco di un anno una prestazione venga utilizzata una tantum per ogni cliente;
  • che non si pubblicizzi o promuova in alcun modo la propria attività.

Leggi anche: Resto al sud 2021: dettagli del fondo perduto e opportunità per il 2021

Qualora così non sia, sarà tuo dovere aprire la partita IVA e in molti casi la scelta migliore per questo settore è rappresentata dal regime forfettario.

In questo regime fiscale, in assoluto il più conveniente in Italia, si usufruisce di diversi vantaggi ma è necessario rispettare alcune condizioni, una su tutte il limite del fatturato annuo che non può superare i 65.000 €.

Aprire una partita Iva nel settore dei servizi alla persona con regime forfettario è molto semplice e non prevede costi. Infatti per svolgere la tua professione in quest’ambito non ti è necessario iscriverti alla Camera di Commercio.

È necessario compilare un modulo, il modello AA-912, in cui si indicheranno i seguenti dati:

  • i dati anagrafici,
  • la data di inizio attività,
  • il nome che si intende dare alla ditta individuale,
  • la sede dell’attività,
  • la scelta del codice ATECO (per i servizi alla persona è 960909)
  • la scelta del regime fiscale.

Questo modulo deve essere inoltrato all’Agenzia delle Entrate che rilascerà in seguito un certificato di attribuzione della partita iva. A questo punto si è abilitati ad esercitare e a rilasciare fatture.

Piccola parentesi: potrebbe interessarti il mio nuovo libro.

Si chiama Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti spiegherò anche come risparmiare migliaia di Euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (15,50 Euro) sia in versione Ebook (9,90 Euro)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Com’è la tassazione per una partita IVA forfettaria nei servizi alla persona.

Tra i più grandi vantaggi del regime forfettario ci sono quelli di natura fiscale, che come vedrai fanno tutta la differenza del mondo se le tue prestazioni non superano il limite di fatturato dei 65.000 €.

Innanzitutto sotto regime forfettario la tassazione è del 5% per i primi 5 anni di attività e sale al 15% a partire dal sesto anno, a fronte delle aliquote del regime ordinario che vanno dal 23% al 42%.

Queste imposte inoltre verranno calcolate in base all’utile netto, non al fatturato totale, per cui pagherai la percentuale sulla differenza tra il totale delle entrate e i costi scaricabili, che in questo regime fiscale sono forfettari e calcolati dallo Stato in base al tipo di attività.

Non solo! Con il regime forfettario hai diritto anche a due importanti esenzioni: quella dell’IVA e quella della ritenuta d’acconto.

Non dovrai quindi aggiungere l’IVA ai tuoi compensi, con un evidente vantaggio nella competitività rispetto ai tuoi concorrenti nel regime ordinario, e non dovrai versare nessun anticipo sulla tassazione.

Una differenza enorme, non credi?

A maggior ragione dopo l’enorme crisi dovuta all’emergenza per il coronavirus queste agevolazioni meritano una considerazione enorme.

Ma non sono le uniche.

Leggi anche: Partita Iva per un traduttore: ecco perché scegliere il regime forfettario

Servizi alla persona: come funzionano i contributi per una partita IVA a regime forfettario in questa attività.

Aprendo una partita iva dovrai anche provvedere in prima persona al versamento dei contributi INPS, ma a differenza di molte professioni l’attività di servizi alle persone non è inclusa in alcun albo di riferimento.

Pertanto dovrai iscriverti alla Gestione Separata dell’INPS, che include un grande vantaggio in quanto non prevede un versamento contributivo a quote fisse.

Pagherai invece i tuoi contributi in base al fatturato lordo (esattamente come per le imposte) su una base percentuale del 25,72% in questo settore.

Questo ti mette al riparo qualora il volume di lavoro dovesse subire un calo in quanto non sarai costretto a versare sempre una somma contributiva fissa slegata dalle tue entrate, come accade ad esempio per Artigiani e Commercianti, ma pagherai in rapporto a quanto fatturerai (tolte le spese).

Ora capisci le potenzialità del regime forfettario per una piccola partita iva nel settore dei servizi alla persona?

Se dovessi avere qualche dubbio sugli argomenti fin qui trattati, posso offrirti una Consulenza Gratuita. Per richiederla ti basterà compilare il Form di Contatto sul mio sito internet www.regime-forfettario.it e sarò io stesso a richiamarti dopo qualche ore per cercare di chiarire tutti i tuoi dubbi.

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ti ricordo che per qualsiasi tipo di considerazione hai la possibilità di commentare questo articolo.

P.S. Ho anche creato un Gruppo di discussione Facebook riguardante il Regime Forfettario, se vorrai prenderne parte, ti basterà cliccare qui per iscriverti.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.