Regime forfettario e collaboratori esterni: come funziona?

Collaboratori occasionali e assunzione di dipendenti: tutto ciò che devi sapere se hai una Partita IVA forfettaria

Non tutti i lavoratori che decidono di lavorare in proprio e aprire Partita IVA svolgono una professione che permette loro di occuparsi in prima persona di ogni suo aspetto. Di conseguenza, in molti casi questi hanno bisogno di una o più figure che svolgano determinate mansioni e apportino un contributo all’attività.

Ma nel regime forfettario è possibile assumere un dipendente o collaborare con un altro professionista pagandolo per lo svolgimento di alcuni compiti? Scoprilo leggendo le prossime righe!

I requisiti per poter assumere dipendenti o avvalersi di un collaboratore nel regime forfettario

Un titolare di Partita IVA può scegliere di assumere uno o più lavoratori dipendenti, può avere uno stagista e può anche decidere di affidare certi compiti a un collaboratore esterno; questo è un diritto di tutti i possessori di un’attività in proprio, sia che adottino un regime fiscale tradizionale sia che abbiano una Partita IVA a regime forfettario.

Tuttavia, devi sapere che se vuoi instaurare un rapporto di collaborazione lavorativa e continuare a godere delle numerose agevolazioni fiscali e contabili della Partita IVA forfettaria dovrai rispettare un requisito basilare: non potrai spendere cifre superiori a 20.000 € lordi all’anno per i collaboratori, a prescindere dal fatto che essi siano lavoratori dipendenti, titolari di Partita IVA o prestatori d’opera occasionali.

Indubbiamente si tratta di un limite considerevole, specie per le realtà lavorative in cui potrebbe essere necessario l’aiuto di più di una persona. Ad ogni modo, tieni presente che le condizioni sono nettamente migliorate rispetto ai primi anni in cui il regime forfettario è entrato in vigore; fino al 2018, infatti, il limite massimo per questo tipo di costi era di soli 5.000 € (incluse le ritenute fiscali, l’INAIL e i contributi).

Leggi anche: Partita IVA archeologo: i vantaggi di aprirla nel regime forfettario

Cosa accade se si supera il limite del costo per i dipendenti e collaboratori

Se stai riflettendo sull’opportunità di aprire una Partita IVA online per dare inizio alla tua avventura imprenditoriale, venire a conoscenza dell’esistenza di questo limite potrebbe averti convinto definitivamente a rivolgerti a un commercialista.

Magari avevi già alcuni dubbi circa le modalità di apertura e i requisiti da rispettare ma ora, sapendo che esiste un limite per le spese per collaboratori e dipendenti, vuoi avere la certezza che assumendo una persona o delegando alcune mansioni a un esterno non lo supererai.

Beh, consultare un professionista è la scelta più saggia che potresti fare; in questo modo avrai un quadro chiaro di cosa ti aspetta e riceverai le dritte per prendere da subito le giuste decisioni in merito alla tua attività. Ad esempio, sono sicuro che tu voglia sapere cosa accadrà se, durante l’anno, supererai il limite di 20.000 € per i dipendenti e i collaboratori.

Ci tengo a tranquillizzarti su uno dei dubbi più frequenti: non subirai alcuna sanzione! Tuttavia, a partire dal 1° gennaio dell’anno successivo, sarai costretto (o costretta) ad abbandonare il regime agevolato e passare al regime ordinario o semplificato, rinunciando così a tutti gli aspetti fiscali e gestionali che rendono la Partita IVA forfettaria la più conveniente d’Italia.

Piccola parentesi: potrebbe interessarti il mio nuovo libro.

Si intitola Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti svelerò anche in che modo potresti risparmiare migliaia di euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (15,50 €) sia in versione e-book (9,90 €)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Si possono scaricare i costi per dipendenti e collaboratori esterni nel regime forfettario?

I vantaggi di questo regime fiscale sono sotto gli occhi di tutti: tassazione bassa, esclusione dal campo IVA, snellimento burocratico e tanto altro ancora. C’è un aspetto, però, che dovresti considerare con estrema attenzione se pensi di avvalerti della collaborazione di altre persone.

Nel regime forfettario non potrai scaricare le spese sostenute per i dipendenti e per i collaboratori esterni. O, almeno, non come pensi. La deduzione di tutti i costi aziendali (inclusi quelli di cui stiamo parlando), infatti, avviene in modo diverso rispetto agli altri regimi fiscali. Lo Stato ha assegnato a tutti i codici ATECO un coefficiente di redditività che stabilisce in maniera forfettaria la percentuale relativa ai costi aziendali rispetto al fatturato totale.

Mi spiego meglio.

Facciamo finta che tu sia un libero professionista e durante il primo anno di attività incassi 30.000 €. Poiché il tuo coefficiente di redditività è del 78%, potrai scaricare in automatico 6.600 € (il 22% del tuo fatturato totale) e pagherai le tasse sul restante 78%. In questi 6.600 € lo Stato quantificherà in via del tutto ipotetica tutte le tue spese, comprese quelle per dipendenti e collaboratori.

Ora, è facile capire che questo sistema ti favorirà se i tuoi costi reali saranno minori, equivalenti o di poco superiori a quelli forfettari; ma se, ad esempio, durante l’anno dovessi sborsare 10.000 € solo per i collaboratori, potrebbe risultare più conveniente un regime fiscale tradizionale.

Leggi anche: Partita IVA modella: come aprirla a condizioni convenienti

In conclusione

In questo articolo ho cercato di chiarire gli aspetti principali legati all’assunzione dei dipendenti e alla collaborazione con figure esterne nel regime forfettario. Tuttavia, se hai interesse ad aprire Partita IVA con questo regime fiscale, presumo che tu voglia conoscerne tutte le caratteristiche.

Beh, io posso aiutarti. Da anni, ormai, mi dedico esclusivamente al regime forfettario studiandone tutti gli aspetti e le particolarità. Inoltre, offro un servizio di consulenza online ad abbonamento a prezzi molto convenienti.

Compila il Form di Contatto sul mio sito internet www.regime-forfettario.it. Sarò io stesso a richiamarti nel giro di qualche ora per chiarire qualsiasi dubbio (tariffe comprese).

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ti ricordo che, per qualsiasi tipo di considerazione, hai la possibilità di commentare questo articolo.

P.S. Ho anche creato un Gruppo di discussione Facebook riguardante il Regime Forfettario; se vuoi iscriverti, non devi fare altro che cliccare qui.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.