Regime forfettario: quando conviene adottarlo e perché

Ecco i tanti pro e i pochi contro di questo regime fiscale

Se stai pensando di avviare un’attività imprenditoriale o, dopo anni trascorsi a lavorare da dipendente, credi sia arrivato il momento di metterti in proprio, è probabile che tu stia cercando informazioni sull’apertura della Partita IVA online. Prima di aprire Partita IVA, però, è bene informarsi sulle varie possibilità a disposizione onde evitare di pagare tasse troppo alte e iniziare la propria avventura da lavoratore autonomo con un carico fiscale esagerato.

In questo articolo ti spiegherò in quali casi conviene adottare il regime fiscale agevolato e quali sono i suoi vantaggi principali.

Il regime forfettario: l’alternativa più vantaggiosa per professionisti e ditte individuali

Fare una ricerca su Internet è un buon modo per iniziare a sondare il terreno prima di rivolgersi a un commercialista e prendere una decisione definitiva. E magari è proprio navigando nel web che sei venuta/o a conoscenza dell’esistenza del regime forfettario, regime fiscale descritto (a ragione) come il più vantaggioso d’Italia.

Tuttavia, immagino non ti basti sapere che questo tipo di inquadramento sia conveniente, bensì presumo che tu voglia capire chi può trarre vantaggio dalla sua adozione e per quali ragioni. Ebbene, ora ti dirò tutto. Parto con una premessa: la Partita IVA a regime forfettario è l’opzione ideale per liberi professionisti e persone fisiche che desiderano avviare un’attività commerciale o artigianale costituendo una ditta individuale.

Questo, perché consente di usufruire di numerose semplificazioni contabili e gestionali, nonché di significative agevolazioni fiscali che lo rendono un’ottima alternativa al regime ordinario e a quello semplificato. Pertanto, la Partita IVA forfettaria è la scelta più conveniente sia per chi è in procinto di avviare una nuova attività in proprio, sia per chi già ne possiede una ma desidera lavorare a condizioni più vantaggiose.

Tra i benefici di cui godono i forfettari posso citarti:

  • l’esonero dalla fatturazione elettronica, dallo spesometro e dal modello ISEE;
  • l’esenzione dall’IVA e dalla ritenuta d’acconto;
  • l’esenzione dal pagamento dell’IRAP e delle addizionali comunali e regionali.

Leggi anche: Partita IVA istruttore di equitazione: come aprirla

Ma questo è niente: a breve ti parlerò dei vantaggi più importanti di cui godrai se sceglierai di adottare questo regime fiscale. Prima, però, è mio dovere avvisarti che non tutti possono adoperarlo.

Quali sono i requisiti per passare al regime forfettario

Per adottare il regime forfettario è obbligatorio rispettare alcuni requisiti. Vediamo i principali:

  • residenza in Italia (o in uno stato membro dell’UE, purché tu produca almeno il 75% del reddito nel territorio italiano);
  • un fatturato annuo inferiore a 65.000 €;
  • un reddito annuo proveniente da lavoro dipendente inferiore a 30.000 €;
  • spese per dipendenti o collaboratori inferiori a 20.000 € annui;

Inoltre, non puoi usufruire di questo regime fiscale se partecipi a società di persone, associazioni o imprese familiari che operano nello stesso settore di riferimento della tua attività individuale. Stesso discorso, se il settore in cui operi gode già di regimi speciali IVA.

Piccola parentesi: potrebbe interessarti il mio nuovo libro.

Si intitola Regime Forfettario 2020 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti svelerò anche in che modo potresti risparmiare migliaia di euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (15,50 €) sia in versione e-book (9,90 €)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Tassazione e contributi INPS: ecco perché conviene il regime forfettario

Bene, ora che hai le idee più chiare in merito al regime forfettario, scopriamo la ragione principale per cui è così conveniente. Devi sapere che la tassazione di cui gode una Partita IVA forfettaria è la più bassa d’Italia e una delle più basse d’Europa.

Rispetto agli altri regimi fiscali adottabili nel nostro Paese, nel regime forfettario non dovrai far riferimento agli scaglioni IRPEF per determinare le percentuali di tassazione, bensì applicherai un’aliquota sostitutiva unica a qualsiasi importo reddituale. Per farti un esempio chiaro, producendo un reddito di 20.000 € nel regime ordinario o semplificato dovresti versare il 23% di tasse su 15.000 € (primo scaglione IRPEF) e il 25% sui restanti 5.000 €.

Adottando il regime forfettario, invece, verserai un’unica aliquota sulla totalità del reddito prodotto, corrispondente al 15%. Non solo: per le nuove attività è possibile applicare l’aliquota start up (5% di tassazione) per i primi cinque anni.

Considera, inoltre, che il calcolo dell’importo tassabile avviene in maniera forfettaria in base al coefficiente di redditività assegnato al tuo codice ATECO. Non avrai bisogno, dunque, di dedurre i costi aziendali sostenuti durante l’anno perché lo Stato ti tasserà in riferimento alla percentuale del tuo coefficiente.

Ad esempio, con un coefficiente di redditività è del 67% e un fatturato totale annuo di 20.000 €, dovrai versare il 15% (o il 5% in caso di aliquota start up) su 13.400 € a prescindere dal fatto che l’importo dei costi forfettari (in questo caso, 5.600 €) coincida con i costi reali; il che costituisce un fattore di convenienza se questi costi sono pari o addirittura inferiori a quelli forfettari.

Per quanto riguarda i contributi previdenziali, la loro entità dipenderà dalla cassa di riferimento a cui dovrai iscriverti. Devi sapere, però, che qualora tu fossi tenuta/o a iscriverti alla gestione artigiani e commercianti dell’INPS, nel regime forfettario potrai richiedere una riduzione del 35% sia sulle quote contributive fisse sia su quelle eccedenti il minimale.

Leggi anche: Fatturazione elettronica nel regime forfettario nel 2022: come funziona?

In quali casi non conviene il regime forfettario

Come hai potuto constatare leggendo queste righe, il regime forfettario è caratterizzato da numerose condizioni vantaggiose. Tuttavia, esistono dei casi eccezionali in cui questa potrebbe non essere una scelta conveniente.

Tanto per cominciare, riprendendo il discorso della tassazione, il regime forfettario potrebbe penalizzarti qualora i costi reali da te sostenuti durante l’anno fossero nettamente superiori a quelli forfettari: in uno scenario simile l’importo tassabile – sebbene soggetto a un’aliquota più bassa – sarebbe superiore al tuo reddito reale. Insomma, verseresti le imposte su una cifra più alta del dovuto.

Anche le condizioni familiari possono determinare una situazione non conveniente. Se nel tuo nucleo familiare l’unico reddito prodotto è quello proveniente dalla tua attività forfettaria, non potrai applicare le deduzioni e le detrazioni IRPEF riservate a chi ha figli a carico. Ciò significa che andresti a rinunciare ad agevolazioni importanti e ad annullare i vantaggi ottenuti grazie al regime fiscale scelto.

In conclusione

Tirando le somme, la Partita IVA forfettaria è molto conveniente per chi fattura cifre medio basse e per chi desidera avviare un’attività godendo di diverse semplificazioni e agevolazioni. Tuttavia, alla luce delle varie casistiche, prima di prendere una decisione definitiva a riguardo è opportuno fare le dovute considerazioni e affidarsi a un professionista.

A questo punto entro in gioco io. Sono diversi anni, ormai, che mi occupo esclusivamente di questo regime fiscale offrendo un servizio di consulenza online.

Compila il Form di Contatto sul mio sito internet www.regime-forfettario.it. Sarò io stesso a richiamarti nel giro di qualche ora per chiarire qualsiasi dubbio (tariffe comprese).

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ti ricordo che, per qualsiasi tipo di considerazione, hai la possibilità di commentare questo articolo.

P.S. Ho anche creato un Gruppo di discussione Facebook riguardante il Regime Forfettario; se vuoi iscriverti, non devi fare altro che cliccare qui.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.