Regime Forfettario per Webmaster: come funziona?

Regime Forfettario per Webmaster: come funziona? Dal 1 Gennaio 2016 tutti i Webmaster che decideranno di aprire una propria Partita IVA avranno la possibilità di scegliere un Regime Fiscale agevolato che permetterà loro di risparmiare migliaia di Euro in tasse. Si chiama Regime Forfettario, e richiede una serie di requisiti d’ accesso per poter essere utilizzato. Analizziamo in questo articolo come funziona il Regime Forfettario per Webmaster e quali sono i requisiti per potervi accedere.

Ogni Webmaster che decide di aprire la propria Partita IVA deve analizzare con attenzione il Regime Fiscale più conveniente. La scelta del Regime Fiscale influenzerà infatti ogni Webmaster nel pagamento delle proprie tasse e negli obblighi fiscali nell’ anno di apertura della Partita IVA ed in tutti gli anni futuri.

Dal 1 Gennaio 2016 è stato introdotto un Regime Fiscale Agevolato che permetterà a tutti i Webmaster che vorranno (e che potranno) aderirvi una serie di vantaggi fiscali e contabili. Si chiama Regime Forfettario ed è il Regime ideale per tutti quei Webmaster che fatturano fino a 30.000 Euro l’ anno.

Tutti i Webmaster che decideranno di aderire al Regime Forfettario dovranno però essere in possesso di alcuni requisiti prima dell’ accesso e dovranno poi rispettare, negli anni futuri, i limiti del Regime stesso per poter ottenere vantaggi sulla tassazione e sui propri obblighi burocratici, pena la fuoriuscita dal regime Forfettario stesso.

Prima di poter esporre tutti i vantaggi del Regime Forfettario è necessario quindi analizzare chi potrà farne parte.

Regime Forfettario per Webmaster: i requisiti da possedere

Il Regime Forfettario impone a tutti i Webmaster alcuni requisiti di accesso. Il primo requisiti da dover possedere è di tipo reddituale. Potrà accedere al Regime Forfettario chi non ha fatturato più di 30.000 Euro nell’ anno precedente.

Sarà possibile adottare il Regime Forfettario anche da chi è già in possesso di un contratto da lavoro dipendente  sia a tempo determinato che indeterminato o assimilato (esempio reddito da pensione). Per poter aderire sarà però necessario che il reddito da lavoro dipendente nell’ anno precedente sia inferiore a 30.000 Euro lordi.

Oltre ad essere in possesso dei requisiti d’ ingresso, tutti i Webmaster che vorranno utilizzare il Regime Forfettario dovranno rispettare dei limiti durante gli anni di permanenza.

Il limite più importante da rispettare riguarda il limite dei ricavi annuali. Il Regime Forfettario ha infatti imposto dei limiti di ricavo annuali da non dover superare per tutte le Attività Economiche. Questi limiti sono compresi tra 25.000 Euro e 50.000 Euro, ma per i Webmaster saranno pari a 30.000 Euro annuali.

Ho già parlato dei limiti di ricavo imposto dal Regime Forfettario in questo articolo https://www.regime-forfettario.it/limite-fatturato-regime-forfettario/

Ogni Webmaster, per poter continuare a godere negli anni dei vantaggi fiscali e contabili del Regime Forfettario, non dovrà sostenere spese per Collaboratori o Lavoratori dipendenti superiori a 5.000 Euro lordi annuali. Non dovrà inoltre sostenere spese per beni Strumentali superiori a 20.000 Euro.

Se anche uno solo di questi requisiti non dovesse essere rispettato, si avrà l’ obbligo di abbandonare il Regime Forfettario il 1 Gennaio dell’ anno successivo per aderire al Regime Ordinario o Semplificato.

Analizziamo finalmente quali vantaggi fiscali e contabili garantirà il Regime Forfettario o tutti i Webmaster che vorranno aderirvi.

Piccola parentesi: da pochissimi giorni ho pubblicato il mio primo libro.

Si chiama Regime Forfettario 2019 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti spiegherò anche come risparmiare migliaia di Euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (14,90 Euro) sia in versione Ebook (9,90 Euro)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2020

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

Regime Forfettario per Webmaster: come funziona?

Se sei un Webmaster e possiedi i requisiti per poter aderire al Regime Forfettario tira un sospiro di sollievo! Ti parlerò adesso di tutti i vantaggi fiscali e contabili di cui potrai godere.

I vantaggi nell’ adottare il Regime Forfettario sono davvero tanti, ma di sicuro 4 sono i più importanti:

  1. Tassazione più bassa –  Uno dei vantaggi più importanti che il Regime Forfettario potrà riservare a tutti i Webmaster è sicuramente una tassazione agevolata. La tassazione IRPEF (detta Imposta Sostitutiva) è la più bassa esistente in Italia ed anche in Europa! Le tasse saranno infatti pari al 5% per i primi 5 anni (per chi sarà incluso nelle start-up) e sarà poi pari al 15% dal sesto anno in poi. La tassazione degli altri Regimi Fiscali (Regime Semplificato o Regime Forfettario) è invece compresa tra il 23% ed il 43%. Una netta differenza!
  2. Esenzione dall’ IVA – Il Regime Forfettario è un Regime esente dall’ applicazione dell’ IVA: Ciò significa che tutti i Webmaster che decideranno di aderirvi non dovranno inserire l’ IVA all’ interno delle proprie fatture. L’ esenzione dall’ IVA rappresenterà un vantaggio davvero notevole sopratutto nei confronti dei propri Clienti. I prezzi imposti in fattura dai Webmaster in Regime Forfettario saranno infatti più bassi del 22% dei prezzi imposti dai “concorrenti” in Regime Ordinario che invece dovranno aggiungere il 22% in più ai propri compensi in fattura. I Clienti quindi tenderanno a scegliere di collaborare con Webmaster in Regime Forfettario, perchè più convenienti.
  3. Esenzione dalla Ritenuta d’ Acconto – Oltre ad essere esente dall’ applicazione dell’ IVA, il Regime Forfettario è esente dall’ applicazione della Ritenuta d’ Acconto. I Webmaster in regime Forfettario quindi, al momento dell’ emissione delle proprie fatture, incasseranno il 100% dei propri compensi senza alcun tipo di trattenuta. Chi deciderà invece di aderire al Regime ordinario o Semplificato (o chi lavorerà ad esempio utilizzando la Prestazione Occasionale) “subirà” invece una trattenuta del 20% dei propri compensi a titolo di Ritenuta d’ Acconto.
  4. Semplificazioni Contabili – Oltre a tutti i vantaggi fiscali ed economici, il Regime Forfettario garantirà a tutti i Webmaster una serie di semplificazioni contabili. Tutti i Webmaster in Regime Forfettario saranno infatti esenti dalla compilazione ed invio della dichiarazione trimestrale ed annuale dell’ IVA, dal pagamento dell’ IRAP, dalla registrazione delle fatture, dalla tenuta della prima nota e dei libri contabili, dall’ invio dello spesometro e dalla compilazione e dall’ invio degli studi di settore. Tanta burocrazia in meno quindi.

Il Regime Forfettario inoltre differisce da tutti gli altri Regimi Fiscali per la presenza dei “Costi Forfettari”. I Costi Forfettari indicano infatti i Costi Aziendali che potranno essere dedotti dal proprio fatturato per il calcolo delle tasse e dei propri Contributi Previdenziali.

Nel Regime Forfettario infatti i Costi Aziendali scaricabili sono stati decisi in modo ipotetico dallo Stato secondo alcuni Coefficienti di Redditività, diversi per ogni tipo di Attività esistente, che dovranno essere calcolati sul proprio fatturato. Non sarà quindi necessario dover dimostrare i propri acquisti e Costi Aziendali tramite le relative fatture di acquisto, basterà infatti calcolare questi costi in modo ipotetico, Forfettario appunto.

Ho già parlato del funzionamento dei Costi Forfettari in un altro articolo che potrai trovare qui https://www.regime-forfettario.it/calcolare-costi-regime-forfettario-coefficiente-redditivita/

Pensi che tutto ciò sia complicato? Posso offrirti una Consulenza Gratuita. Ti basterà richiederla sul mio sito www.regime-forfettario.it compilando il form di contatto con tutti i tuoi dati. Provvederò io stesso a richiamarti entro qualche ora e cercherò di chiarire tutti i tuoi dubbi.

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Ogni Webmaster che deciderà di aprire la propria Partita IVA, a prescindere dal Regime Fiscale che vorrà scegliere, sarà poi obbligato al versamento dei propri Contributi Previdenziali INPS. Analizziamo adesso in che modo andranno versati i Contributi INPS per i Webmaster.

Come calcolare i Contributi INPS per i Webmaster

Di solito tutte le Attività Professionali sono tenute al pagamento dei propri Contributi Previdenziali INPS al proprio Albo o Cassa di riferimento.

Non esiste però un Albo o Cassa relativa all’ Attività di Webmaster. In questo caso sarà quindi necessario calcolare e versare i propri Contributi Previdenziali INPS alla Gestione Separata INPS.

La Gestione Separata INPS è quindi stata creata per permettere a tutte le Attività Professionali senza un albo di riferimento (ad esempio Grafici, Consulenti, Freelance, Traduttori, Fisioterapisti, Personal Trainer, ecc.) di poter versare i propri Contributi Previdenziali.

Il vantaggio della gestione Separata INPS, rispetto agli altri Albi o Casse, come anche rispetto alla Gestione Commercianti ed Artigiani, è che non sono previsti versamenti minimi da dover garantire. Tutti i Contributi Previdenziali INPS verranno infatti calcolati in percentuale sul proprio Reddito Lordo prodotto. Paradossalmente infatti, in assenza di fatturato, un Webmaster non sarà tenuto ad alcun versamento di INPS (e di tasse).

Tutti i Commercianti ed Artigiani invece, obbligati all’ iscrizione alla Camera di Commercio ed alla Gestione INPS Commercianti ed Artigiani, sono tenuti al pagamento di una quota minimale di Contributi INPS pari a circa 3.600 Euro annuali anche in assenza di fatturato. Ai Webmaster in gestione Separata INPS sarà invece calcolata soltanto una percentuale di Contributi INPS sul proprio reddito Lordo, ecco perché in assenza di fatturato non sarà dovuto alcun versamento di Contributi.

La percentuale di Contribuzione INPS in gestione Separata, dal 1 Gennaio 2017, è pari al 25,72% sul proprio Reddito Lordo. Questa percentuale è stata ridotta di 2 punti percentuali rispetto al passato (nel 2016 era pari al 27,72%). Naturalmente questa percentuale, come anche la percentuale della tassazione IRPEF (Imposta Sostitutiva) dovrà essere calcolata sul Reddito Lordo (utile).

Siamo adesso pronti a rispondere alla domanda più importante: quante tasse e quanti Contributi previdenziali INPS pagherà un Webmaster nel Regime Forfettario? Analizziamolo nello specifico con un esempio.

Quante tasse pagherà un Webmaster nel Regime Forfettario?

Nel Regime Forfettario (come anche in tutti gli altri regimi Fiscali), tasse e Contributi Previdenziali andranno calcolati sul reddito Lordo (utile) dato dalla differenza tra il totale degli incassi annuali (totale delle fatture emesse e pagate nell’ anno) meno il totale dei Costi Aziendali.

Come già accennato prima, il regime Forfettario differisce da tutti gli altri Regimi Fiscali per il calcolo dei Costi aziendali. Per quantificare quindi tutte le spese “scaricabili” basterà infatti applicare al totale del fatturato il relativo Coefficiente di Redditività, diverso per ogni Attività Economica svolta.

Dunque, il primo passo da compiere sarà quello di calcolare il Reddito Lordo dell’ ipotetico Webmaster. Ipotizzando quindi un fatturato annuali pari a 20.000 Euro, dovrà essere applicato ad esso il Coefficiente di redditività del 78% attribuito alla Professione di Webmaster.

Il Reddito Lordo sarà quindi pari a 15.600 Euro (il 78% di 20.000 Euro).

Il passaggio successivo sarà adesso quello di calcolare l’ IRPEF (Imposta Sostitutiva) ed i Contributi INPS in Gestione Separata. L’ imposta Sostitutiva è pari al 5% per i primi 5 anni e sarà quindi pari a 780 Euro (il 5% di 15.600 Euro) mentre i Contributi INPS saranno pari a 4.012 Euro (il 25,72% di 15.600 Euro).

Concludendo quindi, un Webmaster nel Regime Forfettario con un un ipotetico fatturato di 20.000 Euro annuali pagherà circa 780 Euro di IRPEF e circa 4.102 Euro di Contributi Previdenziali INPS in Gestione Separata.

Come avrai potuto notare il Regime Forfettario permetterà a tutti i Professionisti di poter aprire la propria Partita IVA senza gravarsi di importanti spese annuali. Rappresenta quindi lo strumento fiscale ideale per tutti i Webmaster che per la prima volta si affacciano al mondo del lavoro e che non fatturino più di 30.000 Euro annuali.

Passiamo adesso all’ ultima domanda, quanto costa un Commercialista per un Webmaster nel regime Forfettario?

Commercialista per Webmaster: quanto costa?

Un Commercialista “classico” per la gestione della Partita IVA di un Webmaster nel Regime Forfettario ha una tariffa media di circa 1.000-1.200 Euro. 

Adesso però voglio parlarti del mio servizio di Contabilità Online. Ho sviluppato un servizio di Contabilità specifico per tutti i Webmaster che hanno optato per l’ adesione al regime Forfettario. Posso occuparmi di tutto io, nello specifico:

  • Aprirò la tua Partita IVA
  • Gestirò la tua Contabilità
  • Invierò la tua Dichiarazione dei Redditi
  • Ti offrirò tutta l’ Assistenza 365 giorni l’ anno.

Ho scelto di specializzarmi esclusivamente sul Regime Forfettario perchè credo che un Commercialista non possa essere contemporaneamente perfettamente preparato su materie molto diverse tra loro come ad esempio: Regime Ordinario, Società, Associazioni, Diritto tributario, Diritto del lavoro, ecc.

Al contrario sono costantemente aggiornato su tutte le novità del Regime Forfettario e ne ho studiato tutte le casistiche possibili.

Avrai inoltre un vantaggio economico, infatti il costo del mio Servizio di Contabilità Online per webmaster è di 39 Euro al mese (IVA inclusa) che potrai pagare scegliendo tra 3 tipi di Abbonamento di Consulenza: trimestrale, semestrale o annuale.

Se dovessi avere ulteriori dubbi sul funzionamento del Regime Forfettario per Webmaster o se volessi ricevere maggiori informazioni sul mio Servizio di Contabilità Online posso offrirti una Consulenza Gratuita. Ti basterà richiederla direttamente sul mio sito www.regime-forfettario.it compilando il form di contatto con tutti i tuoi dati. Provvederò personalmente  richiamarti entro qualche ora e cercherò di chiarire tutti i tuoi dubbi.

Richiedi-Consuelnza-Gratuita

Spero che questo articolo ti sia stato utile ed in caso di domande ti invito a commentarlo.

Ps. Ho creato un Gruppo di discussione su Facebook incentrato sul Regime Forfettario. Se vorrai farne parte ti basterà richiedere l’ iscrizione cliccando qui.

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.