Libero Professionista Lavoratore Autonomo: come aprire la Partita IVA?

Il tuo sogno è quello di diventare Libero Professionista o Lavoratore Autonomo? Allora devi sapere fin da subito che dovrai aprire la Partita IVA e onorare tutti gli adempimenti fiscali e previdenziali previsti dalla normativa.

Essere Freelancer, Lavoratore autonomo o Libero Professionista con Partita IVA significa assumersi delle responsabilità e sostenere un rischio derivante dall’investimento del capitale proprio e dallo svolgimento dell’attività economica.

Tantissime sono le idee imprenditoriali che possono essere realizzate lavorando in proprio, anche a 40 anni è possibile mettersi in gioco e lanciarsi in una nuova avventura che regalerà tante soddisfazioni ed opportunità di fare business.

Anche i giovani possono realizzare il proprio sogno nel cassetto ed affrontare il rischio di aprire una Partita IVA, ma per fortuna per l’anno 2019 sarà possibile optare per il convenientissimo Regime Forfettario che comporta tantissimi vantaggi.

Scopriamo in questa guida quali sono gli step da seguire per iniziare a lavorare come Libero Professionista e Lavoratore autonomo con contratto di Partiva IVA.

Libero Professionista Lavoratore Autonomo con Contratto di Partita IVA: facciamo chiarezza!

Se sei un Libero Professionista iscritto ad una Cassa (Architetto, Medico, Ingegnere, Veterinario, Psicologo, etc.) o un Freelancer senza Cassa (Copywriter, Social Media Manager, Web Designer, Wedding Planner, Blogger, etc.) devi sapere che dovrai lavorare con il Contratto di Partita IVA.

Anche se sei dipendente a tempo indeterminato o determinato, puoi valutare la possibilità di una Partita IVA per svolgere in autonomia un’attività di business con continuità.

Lavorare a Partita IVA significa stipulare un contratto di lavoro autonomo con i prestatori d’opera o soggetti committenti in assenza di vincoli di subordinazione, offrendo dietro corrispettivo un servizio che può consistere tanto in un’attività di tipo intellettuale quanto nella realizzazione di un bene materiale.

Sebbene sia considerata erroneamente una specifica tipologia contrattuale, la Partita IVA per i Liberi Professionisti e Lavoratori Autonomi determina semmai il regime fiscale all’interno del quale esercitano in proprio un’attività lavorativa alcune figure professionali.

Aprire Partita IVA Libero Professionista Lavoratore Autonomo: tempi e documenti da presentare

Come procedere con l’apertura della Partita IVA per lavorare come Libero Professionista e Lavoratore Autonomo? Devi sapere che i tempi di apertura della Partita IVA sono brevissimi: è immediato e non comporta oneri aggiuntivi.

Ecco i documenti che occorre presentare per procedere con l’apertura della P.IVA: modello AA9/12 a cui occorre allegare un documento d’identità in corso di validità e il codice fiscale.

La documentazione deve essere inoltrata dall’interessato all’Agenzia delle Entrate o tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno.

Inoltre, occorre iscriversi alla Gestione Separata INPS, a meno che non si vada a svolgere una professione con Cassa previdenziale professionale indipendente (come Inarcassa per gli Ingegneri, INPGI per i Giornalisti, etc.).

Se si ha intenzione di aprire una Start Up o una ditta individuale che si occupi di Commercio o Artigianato, oltre agli adempimenti previsti per i Liberi Professionisti ed i Lavoratori Autonomi, si deve procedere all’iscrizione presso il Registro delle Imprese, tenuto nelle Camere di Commercio.

Al fine di semplificare le operazioni di avvio delle attività, a partire dal 2019, è possibile inoltrare la Comunicazione Unica che consente di:

  • richiedere la Partita IVA;
  • perfezionare l’iscrizione all’INPS dei dipendenti o dei lavoratori autonomi;
  • aprire la posizione assicurativa presso l’INAIL;
  • chiedere l’iscrizione al Registro delle Imprese tenuto dalle Camere di Commercio.

La Comunicazione Unica può essere trasmessa esclusivamente in via telematica attraverso i software messi a disposizione dalle Camere di Commercio.

Inoltre, bisogna procedere alla comunicazione del Codice ATECO per inquadrare ad hoc l’attività svolta e scegliere il regime fiscale più conveniente.

Libero Professionista Lavoratore Autonomo: Partita IVA Ordinaria o Forfettaria?

Attualmente esistono due tipi di regimi per l’apertura della Partita IVA: Ordinario o Forfettario.

Il Regime Forfettario per l’anno 2019 è il regime fiscale più conveniente in quanto comporta una minore tassazione.

Va precisato che questo, però, comporta la rinuncia alle consuete detrazioni e alla deduzione delle spese del professionista sui beni strumentali: ecco perché bisogna conoscere molto bene la materia per prendere la decisione più corretta.

Ma, per optare per la Partita IVA Forfettaria per Liberi Professionisti e Lavoratori Autonomi è necessario rispettare l’unico limite di reddito annuo che non deve eccedere i 65.000 euro.

Tra i numerosi vantaggi derivanti dall’apertura della Partita IVA Forfettaria potrai dire addio all’IRES, IRAP e IRPEF e potrai beneficiare di un’aliquota sostitutiva del 15% o del 5% (per i primi 5 anni di attività).

Inoltre, sarai esonerato dall’obbligo di tenuta delle scritture contabili sia ai fini IVA che reddituali e non dovrai espletare da sostituto d’imposta dato che i titolari di Partita IVA Forfettaria non operano ritenute alla fonte. Inoltre, sarai escluso dagli studi di settore/parametri.

Piccola parentesi: da pochissimi giorni ho pubblicato il mio secondo libro.

Si chiama Regime Forfettario 2019 ed è un manuale che ti spiegherà tutto ciò che devi necessariamente sapere prima di aprire la tua Partita IVA. Ti spiegherò anche come risparmiare migliaia di Euro in tasse ogni anno. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (14,90 Euro) sia in versione Ebook (9,90 Euro)

Vuoi conoscere meglio il Regime Forfettario?

Regime Forfettario 2019

La prima guida che ti spiega il Nuovo Regime Forfettario anche se non capisci nulla di Fisco

+100 recensioni di lettori entusiasti.
Il libro che ti insegna tutto quello che devi sapere sul Regime Forfettario.

Regime Forfettario: Costi Commercialista 2019

Vuoi sapere quanto costerà la Consulenza di un Commercialista per chi decide di aprire una Partita IVA Forfettaria? Scopri il mio Servizio di Contabilità online a te dedicato.

Mi occuperò di tutto ciò che si occupa generalmente un Commercialista “classico”, ma il costo del mio Servizio sarà di soli 39 Euro al mese se opti per l’abbonamento trimestrale, 36 euro al mese se opti per l’abbonamento semestrale, 33 euro al mese se opti per l’abbonamento annuale.

Se dovessi avere qualsiasi altro dubbio sulla Partita IVA per Libero Professionista Lavoratore Autonomo o se volessi ricevere maggiori informazioni sul mio Servizio di Contabilità Online, richiedimi una Consulenza Gratuita! Ti basterà richiederla sul mio sito www.regime-forfettario.it compilando il form di contatto con tutti i tuoi dati, sarà io stesso a richiamarti entro qualche ora!

P.S. Esiste un gruppo Facebook creato da me, totalmente dedicato al Regime Forfettario. Se vorrai prendervi parte potrai iscriverti in qualsiasi momento, ti basterà cliccare qui 

A presto
Giampiero Teresi

Guarda il Video completo sul Regime Forfettario

Video Regime Forfettario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi maggiori informazioni?
Prenota subito la tua
consulenza gratuita

Per offrire un servizio impeccabile ho deciso di limitare il numero massimo di clienti seguiti e sono vicino al limite.

Per questo motivo accetto solo
3 nuovi clienti ogni mese.

Se sei davvero interessato ti consiglio di contattarmi ora, per evitare attese.